• Le regole sul lavoro notturno

    Le regole sul lavoro notturnoLa legge considera lavoratore notturno chiunque svolga durante l’intervallo dalla mezzanotte alle cinque di mattina: almeno 3 ore del suo tempo di lavoro giornaliero impiegato in modo normale; una parte del suo orario di lavoro secondo norme definite dai contratti collettivi.
    In assenza di disciplina collettiva si considera lavoratore notturno colui che svolge per almeno 3 ore lavoro di notte per un minimo di 80 giorni lavorativi all´anno.

    L´orario di lavoro notturno non può superare le 8 ore in media nell´arco delle 24 ore, calcolate dal momento di inizio dell´esecuzione della prestazione lavorativa.

    Questo limite rappresenta una media ore lavorate e non lavorate e in mancanza di previsioni normative, risulta applicabile su di un periodo di riferimento pari alla settimana lavorativa.

    Nel computo della media su cui calcolare il limite delle 8 ore non si deve tener conto del periodo dl riposo minimo settimanale quando questo ricade nel periodo di riferimento stabilito dai contratti collettivi.

    In alcuni casi, vige il divieto assoluto di svolgimento del lavoro durante la notte.

    Ad esempio: per gli apprendisti minorenni con divieto di lavoro per un periodo di 12 ore consecutive comprendente l´intervallo tra le 22 e le 6 o tra le 23 e le 7; minori adolescenti, con divieto di lavoro per un periodo di 12 ore consecutive comprendente l´intervallo tra le 22 e le 6 o tra le 23 e le 7; addetti ai servizi pubblici di trasporto in concessione con divieto di lavoro notturno per più di 6 notti consecutive in caso di turni alternati; donne dall´accertamento della gravidanza e fino all´anno di età  del bambino con divieto di lavoro dalle ore 24 alle ore 6.

    Il lavoro notturno non deve essere obbligatoriamente prestato dai seguenti soggetti: lavoratrice madre di un figlio di età  inferiore a tre anni o alternativamente dal padre convivente con la stessa; lavoratrice e dal lavoratore che sia l´unico genitore affidatario di un
    figlio convivente di età  inferiore a 12 anni.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Le regole sul lavoro notturno inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. ermete dice:

      E´ corretto effettuare turni di 4 giorni consecutivi così composti?:

      1 08-20
      2 08-20
      3 20-08
      4 20-08
      In Italia c´è chi fa questo tipo di orario da 12 anni e che è arrivato
      alla frutta! Peraltro la maggiorazione notturna viene erogata solo
      dalle ore 21 alle 06. Forse perchè alle 06 si fa giorno?………

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *