• Flessibilità in uscita, tutte le forme di prepensionamento

    Pensioni

    Prepensionamento per chi è a meno di quattro anni dall’età pensionabile previsto dalla Riforma del Lavoro Fornero, staffetta generazionale in solidarietà espansiva introdotto dal Jobs Act, part-time per la pensione contenuto invece dalla Legge di Stabilità 2016: dopo la Riforma delle Pensioni di fine 2011, che ha innalzato l’età pensionabile e ha mandato in soffitta la pensione di anzianità, si sono succeduti diversi provvedimenti per reintrodurre forme di prepensionamento. Mentre la flessibilità in uscita resta un tema caldo, in vista di una Riforma Pensioni 2016, vediamo quali sono gli strumenti attualmente a disposizione per chi vuole ritirarsi in anticipo.

    => Riforma Pensioni 2016: la proposta Boeri

    Pensione anticipata contributiva

    L’unico caso di pensione di anzianità consentito dalla Riforma Pensioni Fornero (Dl 201/2011), riguarda lavoratori con almeno 42 anni e dieci mesi o 41 anni e dieci mesi di contributi, rispettivamente per uomini e donne. E’ il requisito aggiornato in base a scatti e aumento aspettative di vita per il 2016. Non scatta nessuna penalizzazione dell’assegno: originariamente era previsto un taglio per ogni anno di anticipo rispetto ai 62 anni, che però è stato eliminato per tutti coloro che maturano il requisito di anzianità contributiva entro ill 2017.

    Prepensionamento Fornero

    E’ una possibilità introdotta dalla Riforma del Lavoro del 2012 (comma 1 dell’articolo 4 della legge 92/2012), che consente di ritirarsi in anticipo ai lavoratori a cui mancano meno di quattro anni dalla pensione. Il dipendente prende un assegno di importo pari a quello della pensione piena, il trattamento è pagato dall’azienda (attraverso l’INPS). E’ necessario un accordo sindacale, con l’accordo del lavoratore. Questo incentivo all’esodo si applica solo nelle aziende con più di 15 diepndenti. Questi accordi sono possibili anche nel caso di procedure di licenziamento collettivo (nei casi di riduzione del personale), applicabili anche ai dirigenti.

    => Prepensionamento: i vantaggi per azienda e lavoratore

    Staffetta generazionale

    Lo strumento è previsto dal Jobs Act, per la precisinoe dall’articolo 41 del decreto legislativo 148/2015 sugli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro, si inserisce nell’ambito dei contratti di solidarietà espansiva. Si applica quindi nell’impresa che intende aumentare l’organico, sulla base di previsioni inserite nel contratto aziendale, proponendo ai lavoratori che si trovano a meno di due anni dalla pensione una forma di part-time almeno al 50%, incassando contemporaneamente un anticipo sulla pensione corrispondente alla quota di stipendio a cui hanno rinunciato. E’ necessario un accordo sindacale, che preveda la contestuale assunzione di giovani fino a 29 anni (un assunzione per ogni part-time).

    => Jobs Act: anticipo pensione con il part-time

    Opzione Donna

    Questa forma di uscita flessibile è riservata alle lavoratrici donne con almeno 35 anni di contributi, con 57 anni o 58 anni anni di età, rispettivamente per lavoratrici dipendenti o autonome. La Legge di Stabilità ha definitivamente sancito che per accedere a questo prepensionamento bisogna maturare il diritto alla pensione entro il 31 dicembre 2015, e ha tolto la finestra mobile di tre mesi che avrebbe impeidto l’accesso alle lavoratrici nate nell’ultimo trimestre dell’anno.

    => Pensioni: tutte le misure in Legge di Stabilità

    Part time per la pensione

    Anche questo è un meccanismo introdotto dalla Legge di Stabilità 2016, e prevede la possibilità di chiedere un part-time negli ultimi tre anni prima della pensione, con stipendio un po’ più alto rispetto alla riduzione d’orario e contribuzione piena, in modo da percepire alla fine l’assegno previdenziale senza tagli.

     

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Flessibilità in uscita, tutte le forme di prepensionamento inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Vorrei sapere se c,e la possibilità di part time anche per il pubblico impiego?Grazie.

    2. antonino dice:

      ridicoli

    3. Maurizio Fratta dice:

      sono indignato per la riforma fornero . Mi ha rovinato la vita

      desidero solo altrettanto per i politici che hanno sottoscritto
      tale riforma,. non meritano nessuna pieta’. tutti a casa senza
      nessun beneficio.. maledetti!!!!!!!??????

    4. remo dice:

      Politici di m…. ci vogliono far morire sul posto di lavoro

    5. maria dice:

      sono invalida civile 100% ex dipendrnte poste italiane posso chiedere la pensione anticipata con più di 33 anni di servizio e 60 anni di età grazie

    6. VITTORIO CASIRAGHI dice:

      Buongiorno,
      sono nato il 25/08/1955 (60 anni), con 39 anni di contribuzione piena a giugno 2015.
      Sono inoltre invalido civile per il 67%.
      Al 31/12/2018 non riesco a raggiungere i 42 anni e 10 mesi e quindi si va al 2019. Mi chiedevo a questo punto quali possibilità ci sono di prepensionamento per il mio profilo.

    7. Puccio Orfeo dice:

      Sono nato il 09/01/1954(62 anni), con 41 circa di contribuzione, di cui 6 anni e 5 giorni già ricongiunti con INPDAP, 4 ANNI E 2 MESI DI APPRENDISTATO all’età tra i 15 e di 20 anni quando si diventava maggiorenni a 21 anni (cioè dal 01/09/1969 alla fine di ottobre del 1973. 1°)E’possibile usufruire di una agevolazione per il lavoro svolto in età minorile? 2°) E’ possibile avere una eventuale agevolazione visto che usufruisco dei permessi mensili della legge 104/92 per assistere prima la zia, adesso il suocero? 3°) Ho possibilità eventualmente di potere usufruire di una flessibilità in uscita o eventuale prepenzionamento? (I 41 anni di contribuzione di cui ho scritto prima sono sommando tutto, anche il periodo di apprendistato). Ringrazio per l’aiuto che gentilmente mi fornirete.

    8. Gallina Concetta dice:

      Sono nata l’11/09/1954 (61 anni), con 37 anni di contribuzione effettiva circa. Pubblico impiego (sanità). Ho usufruito dei permessi mensili per effetto della legge 104/92, quando potrò andare in pensione con eventuale flessibilità? Progetto donna la penalizzazione anche per me che ho più di 58 anni verrebbe applicata(si dice il 30%)?
      Ci sarebbero altre possibilità senza decurtazioni? Grazie anticipate, un cordiale saluto.

    9. 59 anni ragiunto. Tetto massimo per versamenti qjuando la pensione.grazie

    10. GIOVANNA dice:

      A quando l’ottava salvaguardia
      A 60 anni, senza lavoro e pensione
      La mia domanda di pensione è stata accolta dal ministero del lavoro e politiche sociali
      sulla settima salvaguardia ma l’INPS l’ha rifiutata perchè sono fuori di 4 mesi
      e devo aspettare ottava salvaguardia…..
      Ma ci sarà???????
      Grazie

    11. anna altieri dice:

      Ho 61 anni e lavoro da 40 anni ma con effetti contributi di circa 37 anni .
      Sono stanca da morire lavorando sempre con il privato. Quando potrò godere un po’ del mio tempo e libertà. ci vogliono fare uscire feretri dalle azienda guadagnando così indegnamente i nostri soldi accantonati. Schifo puro schifo almeno approvassero la flessibilità in uscita per darci una piccola speranza.

    12. ruffovincenzo dice:

      sono vincenzo dalla calabria sono del 1955lavoro dal 1971ma ancora mi manca qualche anno per andare in pensione vorrei sapere se con questa riforma posso andare in pensione

    13. Tommaso dice:

      Sono nato il1961 è ho iniziato a lavorare all’età di 16anni posso sapere quando andrò in pensione?.

    14. mauro dice:

      scusatemi,solo una domanda,sento di anticipi sulla pensione di vecchiaia ma sulle pensioni di anzianita?,io a gennaio del 2017 compio 63 anni con 42 anni di anzianita,mi mancherebbero solo 10 mesi ,posso chiedere l’uscita anticipata di 10 mesi ?
      grazie

    15. Annunziata dice:

      E’ vergognoso una donna di 65 anni deve ancora lavorare nella scuola con 9 classi e con ragazzi del biennio.
      Questa professione deve rientrare come usurante. Mandami in pensione nel 2017 e non nel 2018.
      Sono in attesa.

    16. angelo dice:

      Cosa gli interessa alla classe politica se gia’ dopo qualche anno si assicurano la pensione , Vitalizi ed altro. Una persona deve lavorare per oltre 40, mentre loro a parte quello che hanno guadagnato, percepiranno una pensione d’oro. se ce giustizia devono spenderli tutti a Medicinali. purtroppo continuiamo a Votare ed ha votarli .

      • Carla dice:

        Sono nata nel 1951 ho quasi 40 anni di contributi Inpdap. Dovevo andare in pensione nel 2011 ma la riforma fornero mi ha bloccato. Ora andrò ne2018 vi sembra giusto?..

    17. ernesto dice:

      ho 57 anni ho più di 36 mesi di contributi versati tra i 15 e i 18 anni di netà avrò 42 anni e 10 mesi di contributi versati al 13 gennaio 2018 e per quei tredici giorni di me…. in più allo stato attuale sarò ben penalizzato dalla maledetta fornero lavoriamo prorprio per far mangiare solo loro

    18. tommaso dice:

      buongiorno vorrei sapere ulteriori informazioni circa sul prepensionameno per i lavoratori precoci.sono dipendente ministero difesa ho iniziato a lavorare a quasi 17anniho fatto il corso 73/75 arsenaleMMtaranto riscttati,a febbraio2017 saranno 41anni,rientro nel prepensionamento?preciso che sono un lavoratore turnista dal 1981,con turni sia di giorno che di notte.grazie

    19. Stefano dice:

      Ho 65e4mesi 36anni di contributi+19mesi figurativi cuando posso fare domanda con la nuova legge

      • Mauro Cacia dice:

        Stefano, per I nati del 1951 e` prevista la pensione di vecchiaia a 66 anni e 7 mesi; bastano 20 anni di contributi.
        Quindi non ti manca molto. Considera pure che il governo ha promesso (?) che nel 2017 fara` una revision del calcolo contributivo per renderlo piu` equo, quindi la parte contributive (se ne hai) sara` rivalutata. Pere me giusto in tempo, prima del 2018 che sara` l’anno della pensione per me. Ciao

    20. oliva Chinnici dice:

      Ho62 anni e 38 anni di contributi A Fsono artigiana commerciante in quanto ho licenza commerciale categoria 9, 10,11 ma in realta ho sempre esercitato la professione di disegnatrice con vendita relativa alle mie materie prime.Chiudero la mia attivita il 31 11 2016.Rientro nelle categorie che usufruiranno delle agevolazioni della pensione minima di 500 euro presentando domanda entro il 31 12 2016?Chiediamo spiccioli a persone che hanno distrutto le nostre risorse.

    21. Giuseppe dice:

      Ho quasi 62 anni e contribuiti versati 37. A Maggio 2017 mi scade la naspi. Quali possibilità ho di pensione o sostegno. Ricollocazione nel mondo del lavoro 0 assoluto.

    22. Vorrei sapere essendo lavoratore precoce se il mio inizio lavorativo a 17 anni dal 1975 al1978 nell’Arma dei Carabinieri sia valida per l’anticipo pensione richiesta nel 2015 sono dipendente presso istituto privato di vigilanza VIS SPA a Taranto dal 1980 ad oggi 2016 vorrei sapere se rientro nei precoci grazie.

    23. Sergio dice:

      Sono nato in aprile 1963 e lavoro nel settore privato da gennaio 1979 .è possibile sapere quando sarebbe la prima data in cui potrei accedere alla pensione?

    24. adelmo dice:

      62 anni a fine febbraio 2017 con 42 anni tondi tondi di contributi.montante personale di circa 500000 euro.attesa di vita 16 anni
      chiedo se questo stato di merda mi vuole concedere un netto di 1450 euro al mese che
      spendendoli per vivere ogni mese ne recupererà la metà.ho già lavorato due anni
      oltre i 40 e due anni fanno circa 60000 euro
      risparmiati dal sistema.40 di pensione non pagata e 20 di contributi versati in più.se è vero come diceva quel mentecatto della bocconi che tutto necessita dall’enorme debito che abbiamo sarebbe equo farmi pagare 2 volte il debito procapite?é stato il più grande atto di banditismo della storia.Tutti tacciono perchè tutti mangiano con questi soldi.
      tutta la pletora parassitaria di sistema politica sindacale e amministrativa.Ho le ossa rotte dopo 42 anni di lavoro su tre turni e non so se sopravviverò.Che possano non morire ma patire in eterno .sono incazzato con un odio furente.

    25. Vincenzo dice:

      Ho 27anni e 4mesi di contributi effettivi essendo nata il 12/07/1952. Non lavoro più da novembre 1997 quindi raggiunto la minima da lavoro. C’era un requisito che prevedeva almeno 20anni è 60anni entro il 31/12/2012, presentandosi al caf a giugno di quest’anno per inoltrare domanda di pensione, ci veniva detto che non essendo nata antro il 31/03 dovevo aspettare 69 anni. Adesso ho letto di 2 circolari una emessa dal ministero del lavoro e una emessa dell’Inps che ripristinata il requisito co la riforma pensioni della legge di stabilità potrò andare in pensione nel 2017 .nel ringraziarvi porgo cordiali saluti e buon lavoro

    26. Stefania Pacini dice:

      Buongiorno, io avrei i requisiti per opzione donna, ma maturo i 35 anni al 1 settembre 2016. Cosa posso fare? Esistono ancora le quote? Grazie stefania

    27. Cina 'Roberto dice:

      Sono nato il 15/10 /1963 lavoro dal 1979 fatto servizio militare quando potrò andare in pensione.. Grazie

    28. vitale alessandro dice:

      buonasera,
      sono nato il 28/02/1952 e ho lavorato fino al 2012 con circa 30 anni di contributi nel privato
      sono stato licenziato e non piu assunto dal 2012
      mi sapete dire quando potrò andare in pensione?
      Grazie.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *