• Facebook: bloccato il porno attacco

    Facebook

    L’ondata di spam a carattere pornografico e violento che ha investito diversi account Facebook nei giorni scorsi sembra cessato grazie all’intervento dei tecnici del social network che sono riusciti a risolvere la vulnerabilità sfruttata per diffondere i contenuti incriminati sulla piattaforma.
    Secondo quanto dichiarato da Facebook stesso, alla base dell’ondata di spam c’è stata una vulnerabilità cross-site scripting (XSS), che ha permesso agli autori dello spam di trasformare i feed presenti in homepage in un flusso di immagini di sesso esplicito, condite da numerose foto di violenza e abusi sugli animali che hanno fatto indignare migliaia di utenti.

    Facebook ha organizzato dei punti informativi per aiutare gli iscritti a difendersi da questo tipo di minacce e ha annunciato di stare valutando l’opzione di avviare un’azione legale contro gli autori dell’attacco, i quali, pur essendo ancora sconosciuti al pubblico, pare siano stati identificati dagli esperti di sicurezza ingaggiati dal social network.

    Quel che appare certo è l’estraneità dei membri degli Anonymous, il gruppo di cracker che in un primo momento era stato indicato da alcuni osservatori come possibile protagonista della vicenda.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Facebook: bloccato il porno attacco inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *