• Alcune “convenzioni” sui riferimenti di cella in Excel 2007

    Quasi tutte le formule che scriviamo in Excel 2007, a meno che non si tratti di elementari operazioni del tipo “=5+4″, contengono dei riferimenti alla cella.

    Conoscere come questi vengono rappresentati può essere utile per scrivere le formule senza ricorrere al wizard, o leggere quelle già contenute nelle celle.

    Excel utilizza sia lo stile di riferimento A1 che lo stile di riferimento 3-D; il primo indica l’indirizzo di cella espresso con l’intersezione della colonna e della riga in cui si trova la cella: ad esempio, scrivere C7 equivale ad indicare la cella che si trova nella colonna C alla riga 7.

    Un intervallo di celle è perciò indicato da una coppia di indirizzi separati dai due punti:

    C1:C10 (ovvero tutte le celle comprese fra la colonna C riga 1 e la colonna C riga 10)

    Lo stile di riferimento 3-D indica le operazioni che si sviluppano con riferimenti a differenti fogli. Questi ultimi sono rappresentati dal nome del foglio seguito dal punto esclamativo. Ad esempio:

    Foglio1!A1 (indica la cella A1 del foglio 1, che potrebbe chiamarsi anche diversamente).

    Un’operazione tra celle appartenenti a due fogli ha pertanto una sintassi di questo tipo:

    =Foglio2!A2*Foglio4!C6

    per indicare la moltiplicazione fra quanto contenuto nella cella A2 del Foglio2 e nella cella C6 del Foglio4.

    Conoscendo queste “convenzioni” possiamo scrivere le funzioni correttamente e senza ausilio di wizard, che ci obbligherebbe a passare da un foglio all’altro con il mouse.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Alcune “convenzioni” sui riferimenti di cella in Excel 2007 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *