• Nove estensioni per aumentare la sicurezza di Google Chrome

    google-chrome-logo.jpg

    Una delle chiavi per una navigazione sicura, oltre all’attenzione che ogni internauta dovrebbe porre alle proprie azioni, è la scelta di un buon browser. Per quanto riguarda sistemi OS X e Windows 7 la scelta più sicura sembra, in questo senso, essere Google Chrome – mentre Safari e Internet Explorer 8 sembrano le peggiori. Posto che sarebbe forse meglio guardare anche a sistemi operativi GNU/Linux (o BSD), la stessa scelta di Chrome non garantisce una sicurezza totale.

    Per rafforzare ulteriormente le nostre protezioni, DownloadSquad ci propone 9 estensioni per il browser di casa Google, che dovrebbero rendere ancora più difficile l’hackeraggio dei nostri PC.

    Si va da WebofTrust, che ci permetterà di controllare la “fama” dei link delle nostre ricerche su Google o Bing, fino a sistemi per un uso sicuro delle password.

    Interessante, poi, l’estensione View Thru: essa rende facilmente reperibile l’esatto indirizzo di ogni link. È frequente, magari tramite Facebook, che vengano spacciati link pericolosi con titoli di siti affidabili.

    Per finire, il banalissimo ma sempre utile FlashBlock impedisce l’esecuzione di applicazioni Flash, se non da siti considerati fidati dall’utente – in questo modo si dovrebbe impedire agevolmente i frequenti tentativi di exploit nascosti infidamente all’interno delle animazioni.

    Queste e le altre estensioni proposte effettivamente miglioreranno di molto la sicurezza della vostra navigazione, rendendola, allo stesso tempo, spesso un po’ più macchinosa e meno “rilassata”. Probabilmente, proprio la “rilassatezza” è, però, la prima causa di pericolo in rete: non lasciatevi, quindi, scoraggiare da qualche difficoltà iniziale.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Nove estensioni per aumentare la sicurezza di Google Chrome inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *