• Worm Stuxnet: tra spionaggio e segreti di Stato

    fromFlickr_Mbeo

    Il sospetto che dietro al worm Stuxnet ci siano stati i servizi segreti israeliani e statunitensi non gira solo a Teheran. A diversi mesi dalla messa in atto del noto attacco al sistema industriale dell’Iran – attraverso le sue centrali nucleari – è tempo di bilanci.

    Secondo Symantec, sarebbero ben 5 i complessi industriali colpiti dal malware negli ultimi 10 mesi, con conseguente blocco delle turbine per l’arricchimento dell’uranio.

    Il contagio, lo ricordiamo, non sarebbe avvenuto via Internet ma via penna USB, con l’obiettivo a infettare l’intera rete aziendale. Ad essere intaccato sarebbe stato uno specifico software di controllo industriale sviluppato dalla Siemens.

    Fonti iraniane parlano di 1000 turbine fermate, a fronte delle 9mila totali. Se le cose stessero così, dunque, tirando le somme l’attacco industriale sarebbe grave ma complessivamente contenuto. Certo, come sempre in questi complessi e delicati casi, sono dati che vanno considerati alla luce dei diversi punti di vista!

    Se vuoi aggiornamenti su Worm Stuxnet: tra spionaggio e segreti di Stato inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. severino dice:

      Ma non dite fesserie l attacco informatico e stato pianificato
      nei dettagli piu complessi,da analisti con le (palle),ma questo tipo di attacco avra delle ricadute…………..
      che non voglio spiegare.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *