• Un Visto per imprenditori innovativi con lo Start Up 2.0 ACT

    giovanijob.jpgPer diventare presidente degli Stati Uniti bisogna essere nati in uno dei 51 Stati a stelle e strisce ma per aprire un’azienda non ci sono limitazioni di questo genere, anzi: oltreoceano stanno preparando una nuova legge per attirare imprenditori e professionisti ad alta specializzazione.

    Si dovrebbe chiamare Start Up 2.0 ACT secondo il progetto bipartisan, che tuttavia è ancora fermo in Congresso seppur caldeggiato da colossi come Google, Microsoft, Facebook, e in genere dalle aziende della Silicon Valley: le imprese simbolo delle potenzialità  dell’innovazione sperano che il secondo mandato di Barack Obama possa partire proprio con l’approvazione di questa legge.

    => Leggi come crare una start up con l’aiuto delle grandi imprese

    La norma prevede una serie di misure, fra cui un vero e proprio visto per imprenditori: si ipotizza di rilasciarne circa 75mila, a persone provenienti da tutti i paesi che vogliano aprire un’azienda negli Stati Uniti. E poi agevolazioni fiscale, ad esempio crediti d’imposta per le aziende che finanziano ricerca e sviluppo.

    Un po’ sulla scia di quanto si pensa di fare in Italia:
    => Ecco incentivi e agevolazioni per start up innovative previsti dal decreto Sviluppo bis

    Naturalmente ci sono una serie di condizioni da rispettare. Ad esempio, la start-up deve raccogliere fondi per almeno 100mila dollari, assumere almeno due dipendenti e impegnarsi a quintuplicarne il numero nel giro di pochi anni.

    La norma vuole agevolare i talenti in generale, non necessariamente imprenditori o aspiranti tali. Prevede per esempio novità  per quanto riguarda i visti degli studenti che frequentano Master o PhD negli Usa, con percorsi specifici per ottenere la green card (l’ambitissimo permesso di soggiorno negli Stati Uniti).

    E propone anche di allentare le maglie per ottenere un permesso di lavoro, creando una sorta di start up visa.

    Alcune compagnie del calibro di Microsoft, eBay, Hewlett-Packard, Oracle, Intel, infatti, nel marzo scorso hanno scritto all’amministrazione Obama lamentando di aver avuto difficoltà  a spostare i propri dipendenti negli Stati Uniti, a causa delle restrizioni legate all’ottenimento del visto (ci sono ad esempio dei tetti numerici da rispettare).

    => Confronta con il progetto di visto per imprenditori del Canada

    Se tutti conoscono le potenzialità  che il sistema economico americano offre ai giovani con brillanti idee imprenditoriali, che dai garage della Silicon Valley hanno scalato Wall Street, forse è meno noto il fatto che diverse delle protagoniste del boom tecnologico a stelle e strisce sono aziende fondate da immigrati.

    Qualche esempio? Uno dei due fondatori di Google, Sergey Brin, è nato a Mosca, il co-fondatore di Yahoo Jerry Yang è taiwanese, il fondatore di eBay, Pierre Omidyar, è un francese di origine iraniana, fra i padri di Sun Microsystem (oggi Oracle) c’è l’indiano Vinod Khosla.

    => Confronta diverse legislazioni con il giro del mondo in start-up

    Se vuoi aggiornamenti su Un Visto per imprenditori innovativi con lo Start Up 2.0 ACT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Reuben dice:

      I know this if off topic but I’m looking into starting my own weblog and was wondering what all is required to get set up? I’m assuming having
      a blog like yours would cost a pretty penny? I’m not very web smart so I’m not 100% certain. Any tips or advice would be greatly appreciated. Thank you

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *