• La misura del potere …di persuazione web sui social network

    L´era della comunicazione digitale impone alle aziende l´utilizzo di strumenti social per diffondere in Rete – in modo pervasivo – il proprio messaggio, prodotto o servizio.

    Ma come riuscire a influenzare gli altri? Il problema è più che mai aperto, vista la rapida evoluzione di mezzi e dinamiche social, ma la verità  è che cambiano gli strumenti ma non la natura umana.

    => Scopri le migliori strategie di Social Marketing

    Influenzare un essere umano non è facile: lo sanno bene i virus che devono mutare di continuo per poter attecchire. Ma è proprio questa la lezione da imparare.

    Strategie di persuasione

    Imprese e comunicatori innovativi che vogliono persuadere e convincere gli utenti devono seguire questa semplice direttiva: il messaggio deve essere nuovo e creativo, perché non basta scegliere un canale innovativo per per raggiungere il proprio scopo.

    I mezzi social accelerano infatti il processo di passaparola (per viralità ) ma non è sufficiente a decretare il vero successo di una strategia di comunicazione web efficace.
    Ma dietro una valanga di like e retweet ci sono davvero altrettanti estimatori di quel prodotto o servizio?

    Nella comunicazione digitale, specie in ambito social, il meccanismo della divulgazione eè cruciale, e comprenderne i fattori scatenanti sarebbe l´uovo di colombo.

    Misura del gradimento

    Anche per i singoli professionisti non basta più il “pezzo di carta” come cartina al tornasole delle proprie capacità : oggi ci vuole anche un indice Klout di tutto rispetto:

    => Misura la tua reputazione online con l’indice Klout

    Ma ha senso?
    Esperti di comunicazione e professionisti delle Relazioni Media Online come ad esempio Piero Tagliapietra e Daniele Chieffi, da tempo sostengono che la misura del gradimento espressa con strumenti tipo Klout, Peerindex o Kred è solo un mero conteggio quantitativo, che nulla dice sulle reali valutazioni di gradimento dell´oggetto o del servizio.

    Questi sistemi di misura non comprendono criteri qualitativi reali, esattamente come l’Auditel si limita a registrare il programma più seguito senza svelarne il perché: a volte dietro un “mi piace” non si è certi neppure che ci sia un vero essere umano (molti account social sono finti e usati per condizionare il sentiment in favore di questa o quella campagna promozionale di prodotto o di servizio).

    Se vuoi aggiornamenti su La misura del potere …di persuazione web sui social network inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *