• Imprese, violazioni dei dati sensibili in aumento

    sicurezza

    Nell’ultimo anno il numero delle violazioni dei dati aziendali è aumentato di molto, portando come conseguenza a un incremento dei costi sostenuti dalle imprese per recuperare le informazioni rubate o perse. Lo rivela il nuovo studio condotto dal Ponemon Institute, cui fa seguito un nuovo annuncio di IBM relativo a una soluzione e a nuovi servizi utili ad aiutare le aziende a rilevare, prevenire e reagire a tali violazioni.

    => Come proteggere l’azienda da hacker e cracker

    Si apprende dal report che nell’ultimo anno il costo totale medio per la violazione dei dati delle imprese è aumentato del 15%, raggiungendo i 3,5 milioni di dollari, mentre il costo sostenuto per ogni dato perso o rubato contenente informazioni riservate e sensibili è incrementato di oltre il 9%. Ben 314 le aziende prese in considerazione per lo studio, che fanno parte di 10 Paesi globali, Italia inclusa.

    Tutte le organizzazioni partecipanti hanno subito violazioni dei dati, pertanto vi è una crescente preoccupazione per la sicurezza delle informazioni sensibili, riservate o protette; le violazioni più costose sono state quelle causate da attacchi malevoli intenzionali da parte di organizzazioni criminali, che hanno preso di mira soprattutto le imprese statunitensi e tedesche. Quelle aziende che hanno perso il maggior numero di clienti proprio a causa di tali problematiche sono francesi e italiane.

    => Come formare i dipendenti per proteggere i dati

    È ancora più preoccupante che solo il 38% delle aziende abbia già attuato una strategia volta a proteggere la propria infrastruttura IT, questo perché la metà di quelle prese in esame (il 50%, nello specifico) ha una scarsa o nessuna fiducia circa l’efficienza delle soluzioni oggi disponibili per la sicurezza dei dati. Per aiutare coloro i quali desidererebbero una maggior protezione, IBM ha presentato nuovi software e servizi per la sicurezza.

    Si chiamano IBM Threat Protection System e Critical Data Protection Program, il primo è basato sulla Security Intelligence e sull’Analytics ed è progettato per aiutare le organizzazioni a prevenire, rilevare e reagire ai cyber-attacchi (anche sofisticati), e il secondo invece per proteggere i dati critici aziendali, che si stima rappresentino in media il 70% del valore di una società quotata in Borsa.

     

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Imprese, violazioni dei dati sensibili in aumento inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Julia Cozzi dice:

      Abbiamo tremato tutti, da semplici utenti dell’”internet of everything”, in seguito al recente attacco Heartbleed dello scorso mese. I danni che le violazioni di questa natura provocano alle aziende sono davvero inestimabili.
      Ho avuto modo anch’io di leggere questa ricerca e ho notato come, rispetto ai dati del 2013, gli attacchi di natura criminale siano aumentati quest’anno insieme al tasso di violazione causata da errori umani.
      Immagino che tra i casi inclusi all’interno delle cause connesse agli errori umani ci sia la dispersione di informazioni involontaria dovuta a un mancato rispetto delle policy aziendali. In questo caso mi sembra anche molto spontaneo pensare subito a un’altra possibile causa di debolezza della sicurezza aziendale: l’adozione da parte di alcune aziende di policy come il BYOD, ad esempio.
      Per quanto questa policy mostri dei vantaggi in termini di riduzione di costi di gestione e incremento della produttività, l’adozione continua a suscitare dubbi e timori connessi proprio alla sicurezza.
      Dovrebbe quindi essere uno spunto di riflessione per quei professionisti il quale compito è quello di garantire che i dati sensibili aziendali, spesso la linfa vitale del successo stesso di un’azienda, rimangano protetti durante un’epoca durante la quale l’accessibilità alle informazioni sensibili si fa sempre più semplice e immediata.

      Julia Cozzi,
      Xerox Spa – Europe Country Marketing Manager – Corporate Marketing & Communications Europe

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *