• E se non esistesse la sicurezza informatica?

    unlocked.jpg

    Immaginiamo come potrebbe trascorrere serenamente una delle nostre giornate senza la presenza di problemi di sicurezza informatica.

    Ci alziamo presto, e dopo esserci preparati corriamo al lavoro. Appena arrivati, accendiamo il nostro computer dell’ufficio rigorosamente con Windows XP senza il secondo service pack installato. Tanto le patch, in un mondo senza sicurezza informatica, non servono a nulla. L’avvio dura circa dieci secondi (non abbiamo nessun software per la sicurezza installato che si avvia automaticamente) e, ovviamente, non abbiamo bisogno di avere una password da inserire all’avvio. Non abbiamo neanche bisogno di installare un firewall o di avere un antivirus e un antispyware con la protezione attiva in tempo reale (a che servirebbero un antivirus e un antispyware se non esistessero né virus né spyware?).

    Iniziamo a lavorare, ma prima ci ricordiamo che dobbiamo controllare il nostro conto corrente online. La maschera di accesso non ci richiede nessuna password segreta. Ci viene richiesto solo il nostro nome. Tanto, anche se qualcuno effettuasse l’accesso non dovremmo aver paura che possa rubare i nostri soldi. Ovviamente, nemmeno a dirlo, niente lucchetti di protezione delle pagine criptate, e nessun problema di phishing.

    Controlliamo il nostro conto e lasciamo ridotta ad icona la finestra di Internet Explorer 6 (non è stata ancora prodotta una nuova versione per risolvere problemi che non esistono!), tanto i nostri colleghi di stanza o i clienti che riceveremo nel nostro ufficio non avranno la minima intenzione di truffarci.

    Poi continuiamo a lavorare, e cerchiamo informazioni sui prodotti che vogliamo acquistare su un sito situato su un server russo, o cinese? ma non importa? tanto è più che sicuro!

    A fine giornata lavorativa, ritorniamo a casa distrutti, e per rilassarci controlliamo la nostra casella di posta elettronica. C’è solo un’e-mail, della nostra cara amica che abbiamo incontrato una settimana fa in chat. Non c’è nessuna e-mail di spam. Lo spam non esiste! E per dimostrare la nostra felicità all’amica che ci ha appena scritto, le inviamo in allegato le foto della nostra proclamazione di laurea di quattro giorni fa. L’email sarà spedita in un secondo e mezzo, perché nessuna suite di sicurezza controllerà se le foto in allegato ccontengono virus o malware.

    La nostra giornata si è appena conclusa, e siamo così rilassati che potremmo subito iniziarne una nuova? una nuova giornata senza virus, senza malware, senza trojan e spyware, senza phishing e attacchi botnet, senza falle nei software e senza truffe online?

    Sarebbe tutto sicuramente più facile ma, diciamoci la verità, chi non si annoierebbe davanti ad un scenario di questo tipo?

    Se vuoi aggiornamenti su E se non esistesse la sicurezza informatica? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Non sono d’accordo su alcune cose:

      - Il Service Pack 2 non ha introdotto solo miglioramenti di sicurezza ma include anche importanti aggiornamenti del sistema e alcune applicazioni integrative, perchè non dovrebbero esistere quelle?

      - Internet Explorer 7 non introduce solo migliorie di sicurezza ma va a sostituire un prodotto indecente come la versione 6.0 che – trascurando tutti i problemi di gestione del codice HTML e CSS che ha – non permette nessuna delle funzioni di navigazione a schede che IE7 ha copiato da Opera e Firefox, senza considerare le altre implementazioni.

      - Per un c/c sarebbe comunque necessaria una password, altrimenti come ci identifichiamo, e poi come proteggiamo il nostro conto da altre persone?
      Dici che non ha senso proteggere nemmeno quello?

      Un mondo come lo hai descritto tu non sarebbe un mondo senza la sicurezza informatica, ma senza le minacce informatiche.
      In un mondo del genere non esistono minacce, quindi esiste solo la sicurezza.

      Ovvio che si tratta solo di speculazioni e di utopie, un qualcosa del genere non è possibile.
      Senza considerare che un sacco di gente – noi compresi – rimarrebbe senza lavoro.

      Per il resto, secondo me, non ha nemmeno senso discuterne.

    2. Mi sembrava ovvio che la mia era solo una provocazione, e in quanto tale in molti punti del testo ho preferito distaccarmi da alcuni dettagli riguardanti i vari strumenti che ho descritto, per dare rilievo solo ai lati riguardanti strettamente la sicurezza.
      Questo vale per il service pack 2 di xp e per l’ultima versione di Internet Explorer.

      La stessa cosa vale ovviamente anche per il conto corrente. E’ impossibile poter pensare che non serva almeno una password, ma d’altronde il senso del post era proprio quello… far capire che tutto ciò che ho detto è impossibile… in tutto il discorso c’era un pizzico di ironia che ho cercato di evidenziare in tutti i modi possibili, descrivendo anche situazioni particolari e paradossali, come quella dei clienti che “non avranno la minima intenzione di truffarci” o situazioni divertenti come quella dell’amica conosciuta in chat…

      Quello che volevo far risaltare dal pezzo era proprio la leggerezza nella descrizione per mettere in luce durante la lettura che quello che stavo dicendo in fondo era troppo “facile” per essere possibile…

      Lo so che descrivendo un mondo utopico come deriva dalle mie affermazioni, il titolo è un po’ poco corretto, ma si deve intendere come “e se non esistesse il bisogno di essere sicuri?”.
      E’ questo quello che volevo dire…

      Nel mondo moderno, con tutti i derivati delle tecnologie, è impossibile prendere alla leggera, come purtroppo spesso molte persone fanno, i sistemi per proteggersi dalle truffe. Ed è ovvio che un mondo senza minacce non avrebbe senso e forse non potrebbe esistere ;)

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *