• Domini ".bank" anti-phishing

    Il phishing è un problema reale, tangibile. I possessori di conti correnti online e carte di credito “tremano” udendo questa parola.

    La lotta ai phishers, però, da oggi potrebbe subire una svolta rilevante: Mikko Hypponen, giovane genio dell’informatica nonché capo della F-secure, ha proposto una soluzione davvero allettante in un articolo pubblicato sulla rivista ForeignPolicy.

    L’idea sarebbe quella di creare dei domini riservati agli istituti bancari attestati e certificati.

    Domini “.bank” riservati solo ed esclusivamente alle organizzazione finanziare che potranno evitare, quindi, che i propri siti vengano presi di mira da truffe elettroniche.

    Attualmente acquistare un dominio è davvero semplice: basta inserire la parola “dominio” in un qualsiasi motore di ricerca esistente, per ottenere centinaia di risultati di aziende che offrono domini a prezzi irrisori.

    In pochi istanti e con pochi euro si possono avere tutti i requisiti di cui un phishers necessita per dedicarsi alla propria attività truffaldina.

    Trasferire i siti internet bancari verso domini riservati potrebbe essere la soluzione definitiva.
    Tali domini, come già ribadito, saranno acquistabili solo da organizzazioni certificate e non da qualsiasi utente della rete.

    L’utente avrà la certezza che un dominio con estensione “.bank” è un dominio sicuro e immune da truffe telematiche. Basterà verificare il suffisso dell’indirizzo url per tenere al sicuro il nostro denaro.

    Se vuoi aggiornamenti su Domini ".bank" anti-phishing inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Skie dice:

      Considerazione giusta, questo si eliminerebbe una grossa fetta di problemi di phishing legate alle banche etc.
      Solo che rimarrebbero molte altre possibilità di truffe per servizi che non sono banche ma offrono servizi analoghi.

    2. Benji dice:

      Eeeeh mi vien da sorridere… se bastasse così poco a risolvere il problema del phishing!!! Certo l’idea è buona e abbasserebbe i rischi, ma non molto direi… a parte le varie possibilità di mascherare url, i rischi a livello di dns rimangono, come pure gli attacchi mitm.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *