• Zango, lo spyware che arriva attraverso Facebook

    facebook.gif

    La nuova frontiera degli attacchi alla sicurezza informatica sembra siano diventati i siti di social networking. Una nuova minaccia sta infatti mettendo in crisi il popolare sito Facebook, che permette di condividere con amici di tutto il mondo esperienze e idee.

    E’ stata Check Point Software Technologies che ha riconosciuto la crescente diffusione di un malware attraverso il sito di social networking più apprezzato nel Web. Il software maligno si chiama Secret Crush, ed è un widget installabile nella propria pagina su Facebook come ben descritto da Webnews.

    La potenziale vittima riceve una e-mail in cui viene notificato che un amico è interessato a conoscerla in modo più approfondito. Per scoprire l’identità della persona che ha scritto, si viene invitati a scaricare dalla piattaforma widget malevolo. Scaricando il programma, il sistema viene infettato dallo spyware Zango.

    Sull’argomento è intervenuta la vice presidente e general manager della società Check Point, Laura Yecies, che ha dichiarato:

    “Poiché minacce malware continuano ad evolversi sfruttando i siti di social networking, è di vitale importanza che i consumatori, ora più che mai, prendano le necessarie precauzioni per proteggere la loro privacy e identità online. Il consiglio di Check Point è quello di adottare un approccio strutturato che garantisca la sicurezza dei browser Internet e dei PC. L’utente necessita di un firewall dotato di tutte le funzionalità, di antivirus e di protezione da spyware”.

    Quindi, dotiamoci di buoni software anti-tutto, ricordando che la migliore difesa resta la precauzione unita al buon senso.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Zango, lo spyware che arriva attraverso Facebook inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. amon dice:

      la migliore difesa è linux

    2. …anche Linux è un’ottima difesa, senza dubbio! :-)
      Ma non è da tutti usarlo… a volte è così troppo semplice che molti utenti preferiscono impazzire a trovare una soluzione per i noti problemi di Windows, piuttosto che fare la stessa operazione con Linux perdendo la metà del tempo! ;-)

    3. pipponio dice:

      spybot search & destroy (cercarlo con ixquick) funziona bene, lo individua e lo elimina.

      saludos

    4. proprio così! molti produttori di software hanno rilasciato aggiornamenti delle loro firme del database virus o spyware per risolvere il problema… spybot è tra gli ottimi programmi che riescono a riconoscere il malware e ad eliminarlo… ;-)

    5. SAMUELE dice:

      purtroppo ho contratto questo malware ho fatto una scansione con spybot e mi ha ripulito il tutto. ma facendo una nuova scansione mi ritrova il tutto. sapete aiutarmi a risolvere il problema

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *