• La forma del patto di prova: la giurisprudenza si interroga

    La forma del patto di prova: la giurisprudenza si interrogaLa forma scritta del patto di prova è stato oggetto di diverse pronunce da parte del Giudice di merito e di legittimità .

    Di recente, hanno trovato, nella sentenza che segue, un consolidamento dell’orientamento formatosi in questi anni: la Corte di Cassazione, Sez. Lav., con la sentenza n. 21758 del 22 ottobre 2010, ha precisato, infatti, che la forma scritta necessaria per il patto di assunzione in prova è richiesta ad substantiam.

    Tale essenziale requisito di forma, la cui mancanza comporta la nullità  del patto di prova, deve sussistere sin dall’inizio del rapporto, senza alcuna possibilità  di equipollenti o sanatorie.

    E’ ammessa la non contestualità  della sottoscrizione di entrambe le parti prima della esecuzione del contratto, ma non la successiva documentazione della clausola verbalmente pattuita mediante la sottoscrizione, originariamente mancante, di una delle parti, atteso che ciò si risolverebbe nella inammissibile convalida di un atto nullo, con sostanziale diminuzione della tutela del lavoratore.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su La forma del patto di prova: la giurisprudenza si interroga inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *