• Terrorismo psicologico: quando il passaggio a Vista diventa una necessità 

    official_windows_vista_wallpaper.jpgLeggevo qualche giorno fa una news di Claudio fra le notizie di PMI.it, nel quale si evidenziava un comunicato che invita le aziende a passare a Vista per evitare probabili, futuri, problemi di compatibilità .

    Una notizia interessante, ripresa anche da Giuseppe Goglio in un suo post ieri, ma che merita di essere approfondita con alcune doverose riflessioni.

    Il contenuto dell’informativa ormai dovrebbe essere noto: le utenze che non passeranno a Vista rischiano di avere non pochi problemi, esattamente come le compagnie che hanno provato ad evitare l’aggiornamento a Windows 98.

    Che genere di problemi? In particolare quelli legati ad una futura “retro-compatibilità ” dei software, rischiando di rimanere tagliate fuori dai futuri aggiornamenti del sistema operativo. Volete sapere cosa ne penso? Personalmente ritengo che notizie di questo tipo servano solo a creare allarmismi che non portano a molto.

    Evitare un aggiornamento di un sistema operativo – ovviamente – non è una buona idea, ma non bisogna dimenticare che Microsoft continuerà  a rilasciare aggiornamenti per XP ancora per molti anni, il che rende questo OS ancora una valida risorsa.

    Perché spendere ed investire soldi per il cambiamento, quando il PC che abbiamo funziona ancora bene? È un discorso che fanno in molti, e che non è del tutto errato.

    A mio modo di vedere le cose è possibile trovare un punto di incontro e una mediazione tra le due vie che paiono opposte e inconciliabili.
    Nel caso dobbiate cambiare i PC aziendali potete senza dubbio aggiornarli direttamente alla nuova versione, o predisporre un “aggiornamento intelligente”, nel momento in cui un PC si danneggia o deve essere cambiato potete pensare all’aggiornamento, procedendo così per ogni singola macchina, senza dover ricorrere a spese eccessive.

    Valutate se vi convenga effettuare o meno il passaggio e valutate se sia il caso o meno di procedere con l’adozione di differenti soluzioni da questo punto di vista: sistemi operativi diversi potrebbero essere una esacamotage per evitare il problema: potreste valutare l’introduzione di sistemi Mac o Linux.

    Domandatevi quali sono le possibilità  dell’azienda e quali i risultati che si intendono ottenere, in questo modo, la scelta diviene molto più semplice.
    Se non si hanno grossi capitali da investire e si intende aspettare ancora qualche tempo sicuramente non si avranno grossi problemi nell’immediato futuro.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Terrorismo psicologico: quando il passaggio a Vista diventa una necessità  inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. ajkain dice:

      il futuro è open
      meglio passare il prima possibile a gnu/linux

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *