• Nel mondo viene attaccato un sito ogni secondo

    hacked_message.jpg

    Certamente non c’è da stare allegri. Ogni qual volta viene tenuta una conferenza sulla questione sicurezza informatica, i dati tirati fuori sono sempre allarmanti e gli scenari futuri apocalittici.

    Non ha fatto eccezione il Security Summit, organizzato a Roma dall’un nuovo attacco informatico va a segno, con un volume giornaliero di 50.000 file infetti in giro per la Rete. Ma a preoccupare sono più le prospettive per il futuro, si prevede infatti una maggiore specializzazione degli attacchi verso infrastrutture critiche, dalle centrali elettriche alle strutture ferroviarie, fino (addirittura) ai satelliti in orbita attorno alla Terra.

    I danni potrebbero arrivare, in dieci anni, alla soglia 250 miliardi di euro: una cifra spaventosamente alta. E come ha chiarito il prof. Angelo Jannone, docente di criminologia dell’università di Roma La Sapienza, l’Italia non risulta affatto estranea a questo processo:

    Attenzione alle infrastrutture critiche informatizzate e interconnesse. Per il prossimo decennio è prevista una probabilità di attacchi ad esse del 20%. Proteggerle è un dovere.

    Ad ogni modo, che la situazione sia critica non ce ne accorgiamo solo ora; l’impressione, però, è che in queste conferenze, dove ricordiamo partecipano soprattutto aziende attive nel settore della sicurezza, si tenda eccessivamente al pessimismo e alle notizie ad effetto.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Nel mondo viene attaccato un sito ogni secondo inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. toretore dice:

      Si accetta suggerimento di un buon antivirus!

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *