• Dubbi e aspettative sull’XP Mode di Windows 7

    Dubbi e aspettative sull'XP Mode di Windows 7Una delle tipiche preoccupazioni degli utenti in fase di migrazione da Windows XP a Vista è sempre stata la retro-compatibilità  delle applicazioni. Onde evitare lo stesso scenario, come noto, Microsoft ha provato a mettere a punto il plug-in XP Mode (XPM) per consentire agli utenti di virtualizzare le applicazioni per XP in Windows 7.
    Da qui numerose le aspettative degli utenti, soprattutto business, preoccupati di ridurre al minimo l’impatto dell’upgrade dei sistemi aziendali. Ma i dubbi sono ancora molti.


    Intanto, bisogna ricordare che XP Mode non sarà  una funzione nativa del sistema operativo ma un plug-in da installare in autonomia sul proprio computer.
    Gratuito per gli utenti Professional, Ultimate e Enterprise, includerà  Windows Xp equipaggiato del Service Pack 3.

    XPM funziona in modo similare ai prodotti Virtual PC (acquisita da Microsoft nel 2003), ma con una importante differenza: il sistema non richiede all’utente di avviare un ambiente virtuale.
    Le applicazioni, infatti, man mano che vengono installate nell’ambiente virtuale vengono rese disponibili anche per il sistema host.

    Questo si traduce nella possibilità  di eseguire le applicazioni nello stesso desktop, sollevando il sistema dal carico che una macchina virtuale comporta.

    Come spiegato sul blog “Windows for your Business“, il target è costituito anche dalle Pmi:

    “Windows XP Mode è specificatamente progettato per aiutare le piccolo aziende a passare a Windows7. Windows XP Mode vi offre la flessibilità  di eseguire molte applicazioni di produttività  più vecchie su un PC basato su Windows 7. Tutto quel che dovrete fare è installare le applicazioni appropriate direttamente in Windows XP Mode, che è una ambiente virtuale Windows XP che si esegue sotto Windows Virtual PC. Le applicazioni saranno pubblicate sul desktop di Windows 7 e quindi potrete eseguirle direttamente da Windows 7. Windows XP Mode e Windows Virtual PC possono essere utilizzati al meglio sui vostri nuovi PC Windows 7. Rilasceremo a breve la beta di Windows XP Mode e Windows Virtual PC per Windows 7 Professional e Windows 7 Ultimate”.

    Attraverso XP Mode Microsoft mira dunque a spingere gli utenti, in particolar modo quelli business, a far migrare il proprio parco macchine al nuovo sistema operativo a fronte della garanzia di compatibilità  con uno dei sistemi più longevi della storia del colosso di Redmond.
    Ma sarà  davvero così? La retro-compatibilità  sarà  davvero completa e garantita?

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Dubbi e aspettative sull’XP Mode di Windows 7 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. gufetto dice:

      Ma non conviene allora installare un performante Linux sulle vecchie macchine ed eventualmente virtualizzare la licenza in proprio possesso, magari con Virtualbox? Vecchie applicazioni funzionanti + nessun virus

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *