• Terremoto in Giappone: sul Web attacchi blackhat SEO

    Attacchi blackhat SEO

    Il terremoto e tsunami che hanno colpito il Giappone in maniera devastante, innescando anche un drammatico pericolo nucleare hanno fornito ai criminali informatici di sfruttare l’occasione per sferrare nuovi attacchi verso gli utenti: secondo Trend Micro, infatti, si stanno moltiplicando in Rete attacchi blackhat SEO, che sfruttano le tecniche di ottimizzazione SEO (Search Engine Optimization) – utili a favorire il posizionamento di un sito all’interno delle SERP dei motori di ricerca – in modo da proporre tra i primi risultati in lista dei siti ingannevoli, apparentemente sicuri ma progettati per diffondere del codice pericoloso una volta che l’utente li avrà aperti.

    Uno dei siti più pericolosi sembra essere legato alla keyword “most recent earthquake in Japan”, che presumibilmente sarà tra i contenuti più cercati sul Web in queste ore dagli utenti. Il sito in oggetto presenta un FAKEAV, cioè un falso antivirus identificato da Trend Micro come “Mal_FakeAV-25” che, anziché proteggere il computer lo mette pericolosamente a rischio infettandolo.

    I consigli, in questi casi, sono ovviamente quelli di leggere le notizie che interessano esclusivamente da siti conosciuti e affidabili, evitando di cliccare su link che portano a siti di cui non si è mai sentito parlare in precedenza e di cui, pertanto, non si conoscono i reali contenuti.

    Se vuoi aggiornamenti su Terremoto in Giappone: sul Web attacchi blackhat SEO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Pietro dice:

      Effettivamente cercando “most recent earthquake in Japan” c’è un risultato dalle SERP con cui si viene reidirizzati ad altri siti.. meglio evitare.
      Alfredo

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *