• McAfee avverte: il typosquatting è in crescita

    mcafee.PNG

    Una recente ricerca effettuata da McAfee ha messo in luce un dato sconcertante per quanto riguarda il fenomeno del typosquatting, che consiste nella registrazione di un nome di dominio simile a un altro già esistente e molto conosciuto, per far leva sugli errori di battitura degli utenti, che vengono così dirottati su siti completamente diversi da quelli ricercati, e in molti casi di dubbia sicurezza.

    La “tecnica” in questione viene utilizzata sostanzialmente per due motivi, entrambi per niente corretti. Il primo caso è ovviamente quello di effettuare spam, pubblicità indesiderata a servizi a pagamento che mai ci saremmo sognati di utilizzare.

    Il secondo caso, ancora più pericoloso, punta a far cadere il visitatore verso siti di phishing che, con la scusa di promettere un servizio simile a quello che stiamo cercando, dirottano i nostri dati nei database di malintenzionati che vogliono solo rubare i nostri soldi.

    Lo studio di McAfee, The State of Typo-Squatting 2007, ha analizzato il problema e fatto notare che sono più di ottomila i siti con indirizzi di questo tipo, se si considerano anche quelli che contengono al loro interno nomi molto noti e famosi.

    Uno dei metodi attualmente utilizzati (e in costante aumento) consiste nell’inserire, all’interno dei falsi-siti, pubblicità mirate realizzate con circuiti di advertising specifici, che portano ai siti ufficiali dei prodotti o delle aziende cercate realmente.
    In questo modo, chiunque clicchi sulle pubblicità per raggiungere il sito ufficiale farebbe guadagnare tantissimi soldi ai realizzatori del “sito-brutta-copia” attraverso i circuiti di pubblicità a pagamento.

    La ricerca di McAfee ha rilevato come esista una percentuale del 7,2% nel trovare un sito indesiderato quando si sbaglia a scrivere l’indirizzo corretto di un sito molto conosciuto e visitato. In particolare, sarebbero 127.381 i siti realizzati con questo metodo e i siti “originali” presi di mira sembrano essere maggiormente legati a prodotti ludici, a compagnie aeree e addirittura a siti riservati ad un pubblico esclusivamente adulto.

    Deve far riflettere, a mio avviso, come ci sia inoltre un alto tasso di siti di questo tipo che sfruttano la popolarità di web site dedicati a minori, facendo leva su semplici errori ortografici che un bambino può commettere.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su McAfee avverte: il typosquatting è in crescita inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *