• Manager & dipendenti: un rapporto controverso nelle aziende italiane

    Dipendenti e ResponsabiliI dipendenti giudicano i propri manager: è questo il titolo di un recente studio internazionale condotto dalla società  di ricerche BVA su commissione del Gruppo BPI, azienda francese che fornisce servizi di consulenza e gestione delle risorse umane.

    Un soggetto interessante e quanto mai attuale in un’epoca in cui la dimensione digitale delle interazioni aziendali e la flessibilità  di una cooperazione sempre più tangibile nelle attività  di business hanno accorciato le distanze tra dirigenti e impiegati, tra chi comanda e chi esegue. Soprattutto nelle PMI, dove non esistono distanze così nette tra le due realtà .

    Oggi prevale il concetto di lavoro di squadra, per il semplice fatto che è oggettivamente più produttivo lavorare in sinergia, non solo condividendo strumenti IT in ottica 2.0 ma anche confrontandosi costantemente su project management, obiettivi e metodologie.

    Ebbene, in questo scenario rinnovato diventa interessante capire quali vincoli ed ostacoli possano ancora separare il direttivo dall’esecutivo. Quali tensioni possono giocare un ruolo sfavorevole per la produttività  in azienda?

    L’indagine BVA ha interessato 5.500 lavoratori dipendenti d’azienda di Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna, Svizzera, Polonia, Romania, Svizzera, Marocco e USA. Dai dati è emersa una generale buona considerazione dei propri superiori, più marcata nei confronti dei capi diretti piuttosto che dei dirigenti.

    In Italia l’immagine del capo risponde bene ai parametri imposti dal sondaggio: competente (83%), simpatico (72%), talentuoso (66%), aperto alle critiche (60%), onesto (59%), coraggioso (49%), autoritario (49%), stressante (44%), allergico alle responsabilità  (17%).
    Quest’ultimo dato, tuttavia, allontana la percezione dei dipendenti italiani dalla media internazionale, fermandosi ben al di sotto di essa. Lo stesso vale per quanto riguarda la conflittualità  tra dipendenti e superiori, scarsa in generale (3-6%) ma non nel nostro Paese (16%).

    Infine, i dipendenti italiani si sentono anche poco supportati nello sviluppo delle competenze (48%) e nella richiesta di una più equa retribuzione(28%).

    Ciò che i dipendenti italiani si aspetterebbero maggiormente dai propri manager sarebbe: maggiore riconoscimento del proprio lavoro (46%), ma anche più sostegno nell’organizzazione delle attività  (44%) e supporto nei casi critici da affrontare sul lavoro (24%).

    In sintesi, vige una certa diffidenza che di certo potrebbe e dovrebbe essere oggetto d’analisi da parte dei responsabili d’azienda.

    La ricerca parte dal presupposto che i dipendenti siano sottoposti a pressioni crescenti, è vero, e che con l’aumentare della competitività  del mercato si accresca anche il livello di produttività  re qualità  richiesti.

    Allo stesso tempo, però, è anche plausibile attendersi che i dipendenti – per rispondere con energia ed entusiasmo a richieste di ulteriori sforzi – pretendano maggiore fiducia e riconoscimento, sostenuti da un buon livello di stima nei confronti dei propri dirigenti!

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Manager & dipendenti: un rapporto controverso nelle aziende italiane inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Fantastico articolo.
      Grazie
      Giuseppe Buttafuoco

    2. teambuilding dice:

      Grazie dei consigli

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *