• Le aziende bocceranno Windows 7

    Le aziende bocceranno Windows 7?Windows Vista, il sistema operativo che doveva portare la rivoluzione è oggi sotto i riflettori per essere ancora, a distanza di un paio anni, eternamente al centro delle preoccupazioni degli utenti.

    Sarebbe dovuto essere la chiave di volta non solo per il mercato consumer ma anche per quello business ed invece per Microsoft, in un certo senso, si è trasformato in un boomerang. In molti si interrogano se si stia tratta di un vero flop oppure di uno scetticismo nei confronti del nuovo, dopo l’innegabile successo di XP.

    Eppure, non solo gli utenti privati ma sopratutto le aziende hanno bocciato senza appello questo sistema operativo, tant’è che come tutti sappiamo molti hanno preferito tornare al collaudato Windows Xp.

    Con Windows 7 – che in pratica ripropone Vista ma con una serie di migliorie – ci aspetta quindi uno sforzo in più, soprattutto in ambito business, da parte di Microsoft per immettere nel mercato un prodotto nuovo che risponda con decisione alle necessità  aziendali.

    In realtà , a pochi giorni dalla presentazione delle beta di Windows 7 arriva la semi-bocciatura dagli analisti: Windows 7 migliora Vista, ma non basta?
    Non basta perché il mercato si è evoluto e le richieste sono per un sistema operativo radicalmente diverso che sfugge dall’attuale logica evoluzionistica di Windows.

    Windows 7 è stato presentato come una sorta di Vista 2.0.
    L’interfaccia grafica del desktop è stata leggermente modificata: icone più grandi e meglio rifinite, una nuova task bar e la possibilità  di muovere i Widget in giro per lo schermo (stile Linux), in quanto ora sono relegati nella Sidebar.

    Una delle gradi novità  è l’integrazione nativa per touchscreen e multi-touch, caratteristiche che vanno diffondendosi sui notebook, oltre che nei prossimi desktop, e che quindi Microsoft ha pensato bene di integrare da subito queste tecnologie.

    Migliorato il supporto wireless ora configurabile con un Wizard rinnovato. Molto interessante la funzione Device Stage che permette di verificare che periferiche sono collegate alla nostra macchina e che cosa possiamo fargli fare.

    In Windows 7 troveremo anche Explorer 8, Windows Media Player 12 e una nuova relase di Office che integrerà  anche una versione Live.

    Lato aziendale, Windows 7 integrerà  il supporto a DirectAccess che permetterà  l’accesso alle applicazioni da remoto in maniera più sicura e con più facilità  senza aver bisogno di soluzioni complicate o “esotiche”.

    Molta carne al fuoco ma anche molto scetticismo per un prodotto cruciale per Microsoft: il Kernel, cioè il cuore del sistema operativo sarà  sostanzialmente lo stesso di Vista per evitare problemi di compatibilità  con le attuali periferiche. Peccato che proprio queste affinità  con “vecchio” facciano temere i più…

    Lo scenario futuro, infatti, non vede più il computer inteso come un super calcolatore in grado di effettuare qualsiasi operazione, ma una sorta di terminale remoto in cui gestire svariate applicazioni siano essere residenti nel computer, siano esse su server o in qualche altro luogo della rete (pensate al successo dei netbook…).

    Si svilupperanno in maniera massiccia le applicazioni dedicate alla virtualizzazione per permetterci di lavorare con più sistemi operativi sullo stesso computer senza dover ricorrere ad un dual boot.
    Dda questo punto di vista Microsoft forse è ancora lontana.

    Non sconvolge dunque la netta crescita di Mac Os X e di Linux (in particolare Ubuntu) che sono più orientati verso queste nuove filosofie. Certo Microsoft è un colosso che ha saputo più di una volta reagire a difficoltà  simili, ma c’è da chiedersi se anche questa volta saprà  proporre una vera innovazione.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Le aziende bocceranno Windows 7 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. antonioc. dice:

      La pacchia è finita: la recessione mondiale porterà  inevitabilmente a usare software gratuito, quindi Linux e hardware meno costoso, quindi Linux.
      Bambole, non c’è una lira!

    2. ajkain dice:

      Che sia l’inizio del declino del monopolio M$?

    3. Filippo Vendrame dice:

      Bhe, Vista è stato bocciato (ma vista una cosa del genere dai tempi di Windows Millennium), Xp resiste perchè è maturo e affidabile e consuma poche risorse (infatti è il S.O. più utilizzato nei netbook).

      Mac OsX si sta diffonendo molto sia grazie alle sue ottime prestazioni sia per la curiosità  degli utenti a provare i prodotti Apple anche grazie all’iPhone che ha generato molta più attenzione verso Apple. Peccato solo che i computer Apple costino moltissimo.

      Ubuntu sta facendo faville e tra qualche mese arriveranno netbook dedicati a questo sistema operativo.

      Microsoft in declino? Se non cambia direi proprio di si…. o quantomeno avremo maggiore competizione e quindi prodotti migliori

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *