• Studi di settore: ecco come il Fisco valuta i ricavi presunti

    RicaviGli studi di settore non sono altro che una valutazione statistica dell´ammontare dei ricavi riferibili ad un´attività  economica, in funzione di vari fattori produttivi impiegati per lo svolgimento dell´attività  d´impresa o professionale.
    In particolare, sulla base dei fattori produttivi impiegati, si ritiene possa essere valutata con particolare attendibilità  la capacità  di produrre ricavi destinati ad alimentare la base imponibile che, come noto, rappresenta l´entità  su cui si calcolano le tasse.

    Ad avere il potere di procedere all´elaborazione di appositi studi di settore per i vari settori economici è l´Agenzia delle Entrate la quale avvia una complessa procedura di formazione. Si tratta, in pratica, di elaborare e interpretare una serie di dati e di informazioni in proprio possesso, o comunque provenienti dal Ministero delle Finanze, dagli Ordini professionali e dalle Camere di Commercio, e definire differenti classi di contribuenti, tecnicamente chiamate cluster, distinte in funzione di ciascuna tipologia di attività  economica.

    I fattori produttivi impiegati nell´attività  di ciascun cluster vengono valorizzati secondo un determinato coefficiente in modo da ottenere un valore che esprime il volume di ricavi riferibili alla medesima attività  economica.

    Informazioni e dati che dovranno essere comparati sono prettamente attinenti all´attività  svolta dal contribuente. Si tratta, in pratica, di elementi che caratterizzano principalmente l´attività  vera e propria: descrizione dell´attività  economica; comune, provincia o regione in cui è localizzata l´attività ; ricavi dichiarati; numero dei dipendenti. Altri, invece, sono dati meramente contabili: esistenze iniziali; rimanenze finali; acquisti; costi della produzione; valore dei beni strumentali e relative quote di ammortamento. Infine si fa riferimento anche a dati sociali: livello di scolarizzazione; benessere; sviluppo economico; servizi; infrastrutture; tasso di imprenditorialità .

    Dall´applicazione di tale procedura lo Studio di settore svilupperà  un volume di ricavi puntuale e un volume di ricavi minimo. Il primo rappresenta l´esatto valore che le imprese appartenenti a quello specifico cluster dovrebbero realizzare; il secondo, invece, rappresenta l´ammontare minimo di ricavi riferito alle medesime imprese. Qualora il volume dei ricavi dichiarato in sede di dichiarazione dei redditi dall´impresa rientri fra i due volumi di ricavi, la dichiarazione presentata è considerata congrua. Qualora, invece, il contribuente dichiari ricavi inferiori al volume minimo sarà  possibile, da parte degli uffici tributari, operare un accertamento.

    Prima di essere operativi, gli Studi di settore devono essere sottoposti al parere di una Commissione di esperti istituita con decreto del Ministero dell´Economia e delle Finanze, la quale dovrà  esprimere un giudizio circa l´idoneità  dello strumento a rappresentare la realtà  economica. Ogni Studio di settore che riceve un giudizio positivo sarà  introdotto da decreto ministeriale il quale dovrà  dettare anche le regole specifiche di attuazione.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Studi di settore: ecco come il Fisco valuta i ricavi presunti inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Fabio dice:

      Salve,
      sono uno psicologo di 33 anni con p.iva aperta nel 2006 e fatturazione annua ben al di sotto della soglia di 30.000 euro. A quanto mi sembra di capire non potrò più usufruire del regime dei minimi.
      Volevo, se possibile, avere dei chiarimenti su alcuni punti:

      1- le mie prestazioni (sedute di psicoterapia rivolte a privati), essendo assoggettabili a prestazioni sanitarie sono esenti iva. In questo senso cambia qualcosa?

      2- il passaggio al “regime intermedio” avviene automaticamente?

      3- Nelle fatture emesse fino ad oggi ero solito scrivere la formula “operazione effettuata ai sensi dell’art. 1 comma 100 della legge finanziaria 2008″. Dovrò continuare a scriverla?

      4- Cosa comporta in pratica essere soggetto agli studi di settore? Nel senso se il mio fatturato annuo è al di sotto dello standard (perchè ho poco lavoro e non perchè evado!) sarò comunque “di default” sottoposto ad una tassazione come se fatturassi lo standard??
      Grazie mille per l’attenzione!

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *