• Quando il controllo a distanza del dipendente è possibile

    Quando il controllo a distanza del dipendente è possibileSecondo l’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori è vietato l’uso di impianti per finalità  di controllo a distanza dell’attività  lavorativa, ad eccezione dei casi giustificati da esigenze organizzative, produttive o di sicurezza.

    In tali casi, infatti, l’installazione degli apparecchi è ammessa previo accordo con le rappresentanze sindacali oppure, in mancanza di accordo, con provvedimento della DPL su richiesta del datore di lavoro.

    Il divieto di controllo a distanza riguarda sia la qualità  della prestazione sia la quantità  della stessa sia infine le sue modalità  di svolgimento.

    La giurisprudenza esclude dall’ambito di operatività  del divieto in esame i c.d. controlli difensivi, cioè quelli volti a tutelare il patrimonio aziendale o comunque ad accertare condotte illecite del lavoratore.

    La nozione di apparecchio di controllo a distanza comprende solo quei macchinari stabilmente installati e funzionanti automaticamente che permettono di acquisire la diretta conoscenza dell’attività  dei lavoratori.

    Tali non possono essere considerati ad esempio gli apparecchi radio o telefonici obbligatoriamente utilizzati in base alle disposizioni aziendali e per esigenze operativi di sicurezza dalle guardie giurate alle dipendenze di un datore di lavoro e addetti a posti fissi di vigilanza notturna, e per la cui attivazione sia necessario l’intervento dell’operatore.

    La loro installazione, inoltre, è ammessa a prescindere dall’autorizzazione specifica quando il loro uso sia limitato al riscontro della regolarità  o meno del servizio di vigilanza e non consenta al datore di lavoro di acquisire informazioni ulteriori sull’attività  svolta dai propri dipendenti.

    In sintesi sono esclusi dal divieto in esame gli accertamenti operati dall’imprenditore diretti a tutelare il proprio patrimonio aziendale, al di fuori dell’orario di lavoro e contro possibili atti penalmente illegittimi messi in atto da terzi.

    Per perfezionare l’accordo sindacale legittimante l’installazione di impianti e apparecchiature di controllo a distanza dei lavoratori è sufficiente la sottoscrizione da parte della RSA che esprime la maggioranza del personale; devono essere coinvolte necessariamente le RSA o le DPL delle province nelle quali sono ubicate le singole unità  produttive.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Quando il controllo a distanza del dipendente è possibile inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *