• Decreto anticrisi 2009: è nato il bonus per il lavoratore-imprenditore

    Decreto anticrisi 2009: è nato il bonus per il lavoratore-imprenditoreRientro anticipato dei lavoratori cassintegrati utilizzando: rafforzamento dei contratti di solidarietà ; erogazione in un’unica soluzione dei sussidi a chi decide di intraprendere un’autonoma attività  lavorativa; rifinanziamento delle proroghe a 24 mesi della cassa integrazione guadagni straordinaria incentivi pari all’ammontare del sussidio non goduto per le imprese che assumono lavoratori in cassa integrazione guadagni o in mobilità .

    Sono le misure del pacchetto lavoro contenute nell’articolo 1 del decreto legge n. 78/2009.

    Per incentivare la conservazione e la valorizzazione della forza-lavoro nelle imprese viene previsto, in via sperimentale per gli anni 2009 e 2010, che i lavoratori destinatari di trattamenti di sostegno possono essere impiegati dalla stessa impresa di appartenenza in progetti di formazione o riqualificazione, sulla base di uno specifico protocollo stipulato al ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali dalle parti sociali che sottoscrivono l’accordo relativo agli ammortizzatori.

    Al lavoratore che partecipa al progetto sarà  corrisposta la differenza tra il trattamento di sostegno e la retribuzione.

    Vengono poi rafforzati i contratti di solidarietà : il trattamento salariale dei lavoratori passa dall’attuale 60% dello stipendio all’80%, attraverso l’introduzione di uno stanziamento, introdotto in via sperimentale, di 40 milioni di euro per il 2009 e di 80 milioni per il 2010.

    Un ulteriore intervento viene operato sulla legge 33/2009, che ha previsto un incentivo per le aziende che assumono lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga, licenziati o sospesi, consistente nell’erogazione da parte dell’Inps di un incentivo pari all’indennità  spettante al lavoratore per il numero di mensilità  ancora non erogate.

    Viene ora previsto che l’incentivo può essere richiesto dal lavoratore destinatario del trattamento di sostegno al reddito, nel caso decida di mettersi in proprio o di associarsi in cooperativa. Nell’ipotesi di cassa integrazione in deroga, il lavoratore, dopo essere stato ammesso a usufruire del beneficio e prima che questa venga erogato, deve dimettersi dall’azienda di appartenenza.
    Ma c’è ancora una possibilità , introdotta anch’essa in via sperimentale per il 2009 e il 2010, per coloro che decidono di intraprendere un’attività  autonoma, avviare una micro impresa o associarsi in cooperativa.

    È rivolta ai lavoratori che percepiscono il trattamento di cassa integrazione guadagni per crisi aziendale a seguito di cessazione di attività  totale o parziale dell’impresa, di messa in liquidazione dell’azienda o, comunque, nel caso di lavoratori dichiarati in esubero strutturale.

    Potranno richiedere la liquidazione del trattamento di integrazione salariale straordinaria per il numero di mensilità  deliberate e non ancora percepite; nel caso di lavoratori in mobilità , l’ammontare del beneficio è stabilito nel numero massimo di 12 mensilità .

    Anche in questo caso, quando il lavoratore verrà  ammesso al beneficio e prima che questo venga erogato, dovrà  dimettersi dall’azienda di appartenenza.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Decreto anticrisi 2009: è nato il bonus per il lavoratore-imprenditore inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. dodo dice:

      sono un cassa integrato alitalia a cui sono previsti 7 anni tra cassa int e mobilita’. vorrei “sfruttare” questo decreto anti crisi x mettermi in proprio e avere la liquidita’ dei 6 anni rimasti ma nè un commercialista nè l’inps sanno di cosa stia parlando.
      Qualcuso sa a chi posso rivolgermi?
      grazie

    2. Ti consiglio di rivolgerTi ad altro commercialista oppure ad una associazione di categoria…

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *