• Metroweb e Regione Lombardia verso la banda larghissima

    metroweb banda largaMetroweb e la Regione Lombardia hanno siglato un accordo da oltre 1,2 miliardi di euro che rappresenta in buona sostanza la prima pietra di un ambizioso progetto che si pone l’obiettivo di costruire una rete Internet di nuova generazione in fibra ottica per diffondere l’ultra banda larga su tutto il territorio lombardo.

    Il progetto originale prevede di estendere la nuova rete a 167 comuni del territorio lombardo per un totale di 4,2 milioni di abitanti. La firma dell’accordo è stata posta presso il Palazzo Lombardia, alla presenza del presidente della Regione, Roberto Formigoni, dell’assessore all’Ambiente, Marcello Raimondi, dell’amministratore delegato di F2i, Vito Gamberale, e del presidente di Metroweb, Franco Bassanini.

    La Regione Lombardia e il suo presidente Formigoni vogliono portare avanti un piano ambizioso che prevede il rispetto di quanto richiesto dall’Agenda Digitale Europea e cioè offrire entro il 2020 linee da 100Mbit almeno a metà  della popolazione della Lombardia.

    Il protocollo d’intesa firmato con Metroweb prevede che la fibra ottica venga portata sin sotto alle abitazioni/aziende e sarà  poi liberamente utilizzabile da tutti i carrier che ne vorranno richiedere l’accesso per offrire agli utenti i propri servizi di connettività . Formigoni, molto soddisfatto dell’accordo, ha dichiarato che con questo progetto si favorirà  lo sviluppo della domanda di servizi digitali in tutto il territorio lombardo.

    Per i dirigenti di Metroweb invece, il progetto lombardo deve essere preso da esempio e che presto il modello milanese verrà  esportato anche in altre realtà  come Bergamo e Brescia.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Metroweb e Regione Lombardia verso la banda larghissima inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *