• Un terzo delle PMI ha licenziato

    licenziamentipmi.jpgIl 30% delle PMI in Italia ha licenziato. È l’amara realtà  registrata da una recente indagine svolta dall’Adnkronos. La crisi colpisce duramente il tessuto produttivo e la disoccupazione cresce soprattutto tra i più giovani. I dati dell’Istat sono impietosi segnalando un mercato del lavoro in continua regressione. Anche tra le PMI i dipendenti più giovani sono i primi ad essere sacrificati quando le cose vanno male. Oltre la metà  dei licenziati, secondo la ricerca Adnkronos, sono lavoratori al di sotto dei 30 anni.
    In particolare, le aziende a conduzione familiare, e più in generale quelle fino a venti addetti, hanno attuato una riduzione dell’organico a scapito degli ultimi assunti.

    La causa principale che induce le aziende a licenziare è l’alto costo del lavoro. Così dice il 70% delle imprese che hanno ridotto il numero dei propri dipendenti. Un altro aspetto preoccupante segnalato dalla ricerca di Adnkronos è quello legato al lavoro nero. Il 40% delle PMI interpellate ammette di aver fatto ricorso, nel corso dell’ultimo anno, a prestazioni di lavoro non regolari; altrettante aziende ritengono che possano essere costrette a farne uso nel prossimo anno. Cosa si attende per il futuro? Meno licenziamenti. Se vi consola, scenderà  del 20% la quota di piccole e medie imprese che pensa di dover ricorrere a tagli del proprio personale.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Un terzo delle PMI ha licenziato inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *