• Classificazione e configurazione delle spese di rappresentanza

    Spese di rappresentanzaI requisiti affinché una spesa possa essere definita di rappresentanza sono la gratuità  in capo al percettore dei beni e dei servizi erogati dall’impresa, la finalità  promozionale, la capacità  di generare benefici economici per l’impresa e la coerenza con l’affinità  commerciale dell’impresa. Le spese di rappresentanza sono deducibili nel periodo d’imposta di competenza se rispondenti ai requisiti di inerenza e congriutà  stabiliti con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze. => Leggi anche Spese di rappresentanza: la nuova disciplina sulle deducibilità 

    Principio di inerenza
    In merito al principio dell’inerenza il DM 19.11.08 riconosce come spese di rappresentanza le spese per viaggi turistici in occasione dei quali sono programmate e svolte significative attività  promozionali di beni e servizi oggetto dell’attività  dell’impresa, le spese per feste organizzate in occasione di particolari aventi e le spese per beni e servizi distribuiti o erogati gratuitamente.

    Principio di congruità 
    In merito al principio della congruità  i costi qualificati come spese di rappresentanza sono deducibili in ciascun esercizio nel limite dell’1,30% dei ricavi e proventi fino a 10 milioni di euro, nel limite dello 0,50% dei ricavi e proventi da 10 milioni a 50 milioni, nel limite dello 0,10% dei ricavi e dei proventi che eccedono i 50 milioni di euro. Nel computo del limite di congruità  delle spese di rappresentanza deve essere compreso anche il 75% dei costi relativi a vitto, alloggio e somministrazione di alimenti e bevande a favore di clienti, fornitori e agenti. => Approfondisci con Spese di rappresentanza e pubblicità : guida alle regole

    Costi non configurabili come spese di rappresentanza
    Non costituiscono spese di rappresentanza e, pertanto, non sono soggette ai limiti sopra indicati le spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute per ospitare clienti in occasione di mostre, fiere, esposizioni o eventi in cui sono esposti i beni dell’azienda ovvero iniziative finalizzate alla promozione di specifiche manifestazioni sportive da parte di aziende la cui attività  consiste nell’organizzazione di manifestazioni. Rientrano in tali casistiche anche le spese sostenute dall’imprenditore individuale in occasione di trasferte effettuate per partecipare a mostre o fiere in cui sono esposti beni o servizi prodotti dall’impresa.
    La deduzione di tali costi è del 75%. In ogni caso la deducibilità  è ammessa qualora venga tenuta apposita documentazione dalla quale risultino le generalità  dei soggetti ospitati, la durata e il luogo di svolgimento delle manifestazioni.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Classificazione e configurazione delle spese di rappresentanza inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *