• Trovato un documento militare americano sulle reti P2P

    p2p.jpg

    Tiversa, società americana che si occupa di raccogliere informazioni delicate e dati sensibili attraverso l’analisi del trasferimento dei file per mezzo di sistemi peer-to-peer, ha scovato da poco tempo un documento molto importante riguardante le operazioni militari americane.

    È stato trovato, in un computer la cui posizione è stata individuata in Iran, un documento liberamente accessibile a chiunque contenente informazioni segretissime sui sistemi tecnologici presenti nell’elicottero personale del Presidente Obama, il Marine One.

    Il computer che contiene il file sembra essere a Teheran, ma pare sia stato scaricato in modo del tutto casuale durante gli scorsi mesi estivi. Il documento inizialmente è partito da un computer di un militare statunitense, che ha messo tutto in rete, probabilmente per errore.

    Anche se dalle ricerche di Tiversa appare che il file è stato scaricato in Iran non in modo del tutto intenzionale, l’indirizzo IP del computer in cui si trova si è rivelato far parte di un server che è costantemente alla ricerca di informazioni di questo tipo.

    Come ha spiegato Chris Gormley, dirigente di Tiversa, quel computer, che è stato individuato da diversi mesi, contiene altri documenti di questo tipo proprio perché li ricerca tra i milioni di documenti presenti nelle reti P2P e, nonostante siano state effettuate le dovute segnalazioni, il file è ancora presente e accessibile su queste reti.

    Se vuoi aggiornamenti su Trovato un documento militare americano sulle reti P2P inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Le reti P2P sono piene di queste informazioni.. basta cercare ;)

    2. Enrico dice:

      e se mettono informazioni false spacciandole per vere e scoprire cosi chi le scarica…
      di solito la gente non è cosi stupida. :)

    3. Riccardo dice:

      Certo è un ipotesi da considerare anche la tua…

      Però, ultimamente, abbiamo notizia di qualche chiavetta usata, messa in vendita piena zeppa di dati sensibili….

      Continuo a credere che una marea di dati di questo tipo viaggino nelle reti P2P…

    4. La gente a volte commette queste azioni anche solo per il piacere di diventare famosa e di fare qualcosa di “importante”..
      E’ pur vero comunque che tutti i nodi prima o poi vengono al pettine! E’ solo questione di tempo!

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *