• Le macro di Access

    20080312.png

    Access non possiede un Registratore di Macro come tanti applicativi (anche al di fuori del mondo Microsoft), capaci di rendere la vita facile alla maggior parte di noi, permettendo di registrare una sequenza di operazioni in maniera facile ed intuitiva.

    Ciò non significa che le possibilità di personalizzare o automatizzare procedure ripetitive siano minori, sono semplicemente diverse o, se volete, un pochino meno semplici.

    Vediamo il modo più facile di ovviare a processi ripetitivi. Supponiamo di voler creare una macro che ci permetta di aprire una query precedentemente salvata. È ovvio che possiamo eseguire l’operazione per le vie note, ma trattandosi di un esempio con scopi didattici sorvoliamo anche sulle possibilità aggiuntive insite nella possibilità offerte da questo tipo di macro.

    Cominciamo col selezionare il pulsante Macro dal menu Crea. A seguito di questa azione si apre la relativa interfaccia che ci permette di personalizzare la nostra macro.

    Apriamo la casella combinata disponibile sotto al menu Azione e scegliamo Apri query. A seguire dalla casella combinata disponibile nel riquadro Argomenti azione, alla voce Nome query, scegliamo la query di cui intendiamo automatizzare l’apertura scegliendo, fra quelle disponibili, quella di nostro interesse.

    Non ci resta che salvare la nostra macro assegnandole un nome, vedremo in seguito come utilizzarla proficuamente all’interno dei nostri database.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Le macro di Access inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *