• HP e Symantec virtualizzano Firefox per un web più sicuro

    isolated-firefox.jpg

    HP, Symantec e Mozilla stanno preparando una speciale versione di Firefox in grado di funzionare in un ambiente isolato dal resto del sistema, una specie di sandbox in grado di mantenere il browser e tutto quello che tramite esso arriva dal web (cookie, download e quant’altro) lontano da ciò che risiede stabilmente nel computer.

    Il browser funzionerà in una vera e propria macchina virtuale, comunque in grado di comunicare e interagire con il sistema operativo vero. Questo tipo di soluzione non è nuovo. Circa un anno fa ZoneAlarm, produttrice dell’omonimo firewall, aveva presentato un prodotto simile, chiamato ForceField e tutt’ora in commercio (per la cronaca costa poco meno di 30$) che però non aveva entusiasmato per l’eccessivo consumo di risorse.

    Il nuovo prodotto, voluto principalmente da HP per i suoi notebook destinati alle aziende, dovrebbe vedere la luce entro la fine del mese e sarà inizialmente disponibile solo sulla linea di portatili Compaq dc7900. Non è esclusa, anche se non c’è ancora un annuncio ufficiale a tal riguardo, la possibilità che il tutto venga rilasciato anche al pubblico sotto forma di estensione per Firefox (verosimilmente solo per Windows).

    Una soluzione così netta ha indubbiamente ragione di esistere negli ambienti aziendali, ma resta da chiedersi se possa andare bene anche per l’utente domestico. Cosa ne pensate?

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su HP e Symantec virtualizzano Firefox per un web più sicuro inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Stefano Fraccaro dice:

      Ritengo sia sostanzialmente una perdita di tempo e risorse… basterebbe installare FireFox con NoScript e inserire una breve spiegazione sul funzionamento di NoScript per gli utenti novelli.
      Ma come si sa…le esigenze degli utenti non sempre corrispondono a soluzioni di business.Se fosse così tutti gli home pc sarebbero venduti con AVG free edition o simili e non con Norton 60 gg!

    2. hexaae dice:

      …che era ora. IE7 su Vista in modalità protetta (UAC attivo richiesto) è stato il primo ed è per questo attualmente il più sicuro (su Vista) malgrado non sia il massimo per tutto il resto. Non è esattamente un sandbox ma la funzione di protezione la svolge bene abbassando i privilegi sotto cui gira il browser e limitando le cartelle a cui ha accesso.

      E meno male che Vista faceva schifo a tutti…

    3. diesis dice:

      NoScript serve solo per gli script e basta, ma non ti protegge dalle vulnerabilità di sicurezza che può avere Firefox, come qualsiasi altro browser.
      Poi comunque NoScript è una soluzione poco efficacie, perchè si basa sul fatto che l’utente di sua iniziativa deve decidere quali siti autorizzare il javascript e quali no, e comunque non è una soluzione perchè moltissimi siti noti vengono bucati e di conseguenza se tu hai acconsentito quei siti di cui pensavi di fidarti rimani fregato.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *