• Detassazione premi di produttività : i nuovi limiti 2012

    Produttività Sarà  più contenuto il numero dei contribuenti che potranno approfittare quest´anno della detrazione sul salario di produttività . Per questi è prevista l´applicazione di un´imposta sostitutiva su redditi, ma con requisiti più stringenti rispetto agli anni passati.
    Sono, in parte, gli effetti della contingenza economica a spingere il governo a individuare soluzioni alternative di spending review. Purtroppo, però, questa mossa potrebbe essere devastante per le imprese.

    Sensibilizzare i lavoratori a produrre di più è ormai divenuto un must per le imprese italiane.
    Per questo i manager mettono a disposizione dei propri dipendenti un bonus da riconoscere solo al raggiungimento di determinati obiettivi: il lavoratore, quindi, offre il massimo impegno al fine di ottenere il premio, ancora meglio se il bonus risulta essere detassato.

    Dal 2008 e fino ad oggi il sistema ha retto abbastanza bene. Molte imprese hanno dimostrato di essere efficienti e competitive e di reagire coraggiosamente alla crisi. Adesso, però, le cose cambiano e il timore è che a risentirne maggiormente possano essere proprio le PMI.

    Assicuriamo fin da subito che la detassazione sui premi di produttività  non è stata eliminata totalmente ma per l’anno 2012 ha subito sensibili limitazioni: l’importo massimo assoggettabile a imposta sostitutiva è pari a 2.500 euro contro i precedenti 6.000; ridotto anche il limite massimo di reddito annuo oltre il quale i lavoratori dipendenti non possono accedere alla detassazione, che da 40.000 euro è passato a a 30.000 euro.

    agevolazione introdotta nel 2008 prevede l´applicazione di un´imposta sostitutiva del 10% al posto dell´Irpef e delle addizionali regionali e comunali ed è rivolta ai lavoratori dipendenti del settore privato. Si applica sulle quote di stipendio correlate a incrementi della produttività , qualità , redditività , innovazione e efficienza organizzativa ovvero sulle quote collegate a risultati riferiti all´andamento economico o agli utili dell´impresa.

    Auspichiamo che il taglio delle agevolazioni, per quanto necessario, non provochi un abbattimento della produttività  delle nostre imprese: i datori di lavoro che avessero già  corrisposto il premio produttività  ai propri dipendenti applicando i vecchi criteri di detassazione potranno effettuare i dovuti correttivi in sede di conguaglio di fine anno o di fine rapporto.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Detassazione premi di produttività : i nuovi limiti 2012 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *