• Steve Jobs apre la strada a nuovi modelli di business editoriali

    ipad-touch.jpgCon l´introduzione nel mercato del nuovo iPad della Apple si aprono nuove opportunità  di sviluppo per l´editoria digitale.

    Il primo ostacolo che gli editori devono superare è come presentare le versioni digitali dei giornali sul nuovo dispositivo, che molto probabilmente grazie anche al suo prezzo competitivo, farà  registrare buoni margini di vendita.

    L´iPad rappresenta infatti un´opportunità  per incrementare le vendite dei giornali on-line, a condizione che gli editori riescano a trovare nuovi modelli di business.

    Nella nuova forma dell´iPad i giornali diventano applicazioni: software che permettono al pubblico di accedere alle informazioni organizzandole in modo razionale ed innovativo grazie sempre al lavoro redazionale.

    Per il cliente sarà  possibile acquistare i giornali dall´AppStore, mentre l´editore dovrà  definire modelli di business efficaci: contenuti gratuiti per la raccolta pubblicitaria, vendita dell´applicazione per l´accesso, offerta di contenuti su misura e diverse forme di abbonamento sono tutti elementi che potrebbero entrare in gioco.

    Un occhio di riguardo al design, una leva di marketing oggi quanto mai importante per migliorare estetica e l’usabilità  dei prodotti editoriali digitali come i giornali.

    Probabilmente muterà  anche la figura del giornalista che dovrà  acquisire conoscenze di usability management per rendere i propri articoli più leggibili.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Steve Jobs apre la strada a nuovi modelli di business editoriali inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Lanfranco dice:

      Spero che i giornali riescano a trovare nuovo spazio, nuova linfa e soprattutto maggior mercato con l’iPad. Sono un giornalista e mi accordo già  da diverso tempo come il web sia la piattaforma più naturale per lo sviluppo dell’informazione.
      Oggi più che mai la necessità  di una informazione multimediale e non polimediale deve essere un faro per tutto il settore.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *