• Dichiarazione Intrast per cessione e acquisti di beni e servizi intracomunitari

    IntrastatSono tenuti alla presentazione del modello Intrastat tutti i soggetti passivi stabiliti in Italia che, come determinato dal DL 331 del 30 agosto 1993, articolo 50, comma 6 e dalle modifiche del D.Lgs. n. 18 del 11 febbraio 2010, hanno reso o ricevuto prestazioni di servizio generiche a soggetti stabiliti in altri Stati membri. Non sussiste l´obbligo di includere in tali elenchi le prestazioni di servizio rese o ricevute da soggetti passivi italiani nel caso in cui la controparte sia un soggetto stabilito in un Paese extracomunitario.

    Per quanto riguarda, invece, l´obbligo della compilazione degli elenchi riepilogativi relativi alle cessioni e agli acquisti intracomunitari di beni, saranno da includere nella dichiarazione Intrastat tutte le operazioni che presentano gli elementi costitutivi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari ossia acquisizione della proprietà  del bene o effettiva movimentazione del bene stesso tra i due Stati membri, a prescindere dalla circostanza che una delle due parti sia soggetto stabilito in un Paese terzo.

    Devono essere inclusi nel modello Intrastat i beni o i servizi acquistati attraverso un sito Internet che operi come mercato on line in cui i potenziali clienti fanno offerte attraverso un procedimento automatizzato e in cui le parti sono avvertite circa la realizzazione di una vendita per posta elettronica automaticamente via computer.

    L´obbligo di presentazione degli elenchi riepilogativi agli acquisti di beni e servizi va adempiuto anche da enti, associazioni e altre organizzazioni non aventi come oggetto principale l´esercizio di attività  commerciali ma che svolgono secondariamente tale attività  nonché da enti, associazioni e altre organizzazioni che non svolgono alcuna attività  rilevante agli effetti dell´Iva.

    In caso di errori o variazioni effettuate in operazioni già  indicate negli elenchi riepilogativi sarà  necessario indicare i documenti relativi alla variazione ossia note di addebito o note di credito negli elenchi relativi al periodo nel corso del quale le rettifiche sono state registrate. Qualora, invece, il contribuente abbia omesso di includere in elenco Intrastat dati relativi a prestazioni di servizi rese o ricevute dovrà  compilare una dichiarazione nella quale dovrà  indicare come periodo di riferimento il mese o il trimestre in cui si è verificata l´omissione.

    Se in un determinato periodo il contribuente non ha compiuto nessuna operazione intracomunitaria non è soggetto ad alcun obbligo dichiarativo.

    Se vuoi aggiornamenti su Dichiarazione Intrast per cessione e acquisti di beni e servizi intracomunitari inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    sponsor

    Commenti

    1. Alberto dice:

      Gli acquisti di servizi tipo Google Adwords richiedono la presentazione del modello Intrastat?

    2. andrea dice:

      Se fatti da un soggetto con partita iva certo che si

    Commenta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *