• Flop dei servizi digitali della PA

    Flop dei servizi digitali nella PA

    La digitalizzazione dei servizi della Pubblica Amministrazione è uno dei punti cardine dell’Agenda Digitale, tuttavia gli italiani non utilizzano i servizi online che enti e Stato offrono.

    => Leggi gli impegni del Governo per l’Agenda Digitale

    Secondo l’ultimo rapporto Censis nell’ultimo anno non vi è stato alcun incremento nell’uso dei servizi di eGovernment da parte dei cittadini.

    Lo studio sottolinea anche le motivazioni di questo flop.

    Il primo motivo è da ritrovarsi nella scarsa alfabetizzazione informatica.
    Gli italiani, non è purtroppo una novità , hanno una scarsa cultura del web e dei servizi informatici in genere e anche chi ha più familiarità  con internet spesso non si fida di utilizzare servizi di valore aggiunto attraverso i quali passano i propri dati personali e sensibili.

    => Leggi l’Agenda Digitale per l’Italia secondo l’AgCom

    Un secondo problema è quello del digital divide.
    Gli italiani non connessi alla rete o che non possono accedervi per limiti strutturali sono ancora molti, troppi e questo ovviamente limita di conseguenza l’accesso ai quei servizi di valore aggiunto come appunto i servizi digitali della Pubblica Amministrazione.

    => Scopri lo stato del Digital Divide in Italia

    Inoltre, non tutti gli italiani sono forniti di strumenti tecnici idonei per accedere ai servizi della PA: non solo computer ma anche smartphone e tablet pc.

    Infine, la stessa Pubblica Amministrazione deve saper poter stimolare nella maniera corretta i cittadini ad utilizzare i servizi digitali. Solo dunque curando questi aspetti il Digitale nella Pubblica Amministrazione potrà  decollare.

    Se vuoi aggiornamenti su Flop dei servizi digitali della PA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Samantha dice:

      Il mio problema invece è il contrario: sono gli enti pubblici che non utilizzano la PEC, ma continuano ad inviare le raccomandate cartacee!

    2. Albert dice:

      Il primo motivo è da ritrovarsi nella scarsa alfabetizzazione informatica di chi produce il software della pubblica amministrazione. Ho trovato estreme difficoltà  di utilizzo nell’offerta digitale di varie pubbliche amministrazioni la strada è ancora lunga e in salita prima di raggiungere un’offerta di qualità .

      Un informatico.

    3. Mauro Tinacci dice:

      Accedere ad internet in molte zone non è ancora possibile nè da rete fissa nè da rete mobile , non si può chiedere un cambiamento senza fornire le infrastrutture necessarie e la possibilità  di accedervi a costi possibili.
      Io sono riuscito ad avere il collegamento ADSL dopo numerosi tentativi andati a vuoto e in una forma arrangiata ,poco veloce e non sempre stabile. Perciò anche chi come me pur non essendo un giovanissimo (63 anni) , ha cercato di rimanere aggiornato trova sicuramente qualche difficoltà  nel cercare di utilizzare i servizi digitali.
      Cordiali Saluti
      Mauro Tinacci

    4. Io sono informatizzato e mi sarebbe piaciuto ricorrere a un servizio della Agenzia delle Entrate ma il personale era incompetente e probabilmente il servizio era limitato a un uso specifico cui io non rientravo ma non c’era modo di esserne certi.

    5. Gian Franco dice:

      Non sono un informatico ma mi occupo di “conservazione c,t.” di documeti originariamete cartacei da circa 40 anni sia su microfims che dall’1980 come immagini digitali. Ovviamente ho le mani nel “barattolo della ….marmellata” perchè i clienti mi chiedono un sistema sw per la ricerca valido el tempo. Il “restauro” delle immagini rese digitali è l’operazione che DEVE essere realizzata sia per renderle leggigili. Per rendere reperibile ogni tipologia di documento è necessario da questo rilevarne il “contenuto testuale integrale” via OCR del dattiloscritto o stampato) o con il Data Entry i parametri identificativi di sola classificazione” (oggi TAG)o via ICR gli “identificativi da moduli anhe se compilati in stampatello a mano o lo “scritto manuale in corsivo ” (con sw specifico).
      Per creare una “copia di sicureza” che nel tempo sia adattabile ad un qualsisi sw di ricerca, è sufficiente crearno una copia in cui ogni singolo termine sia separato da un “;” oppure sia identificato dal codice di georeferenzaione sulla pagina imagine (XML).
      Con questi parametri su informatico saprà  sempre in grado di sviluppare un “filtro” che posizioni ogni termine nella corretta posizione del vs RDB, CRM, ERP o motore semantico decidiate di utilizare per cercare la vs informazioni.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *