• La sicurezza come driver del business

    Lo studio Coleman Parkes “The Security Imperative: Driving Business Growth in the App Economy”, svolto per conto di CA Technologies, su 1.770 responsabili aziendali e IT, ha evidenziato segnali positivi per il comparto della sicurezza informatica (link articolo “segnali di efficacia nella sicurezza” ). La raccolta e l’analisi dei dati è stata eseguita nel periodo tra maggio e settembre 2016, su grandi aziende provenienti da 21 Paesi e appartenenti a 10 settori industriali.

    Oltre ad incidere sulla sicurezza e limitare le violazioni dei dati, i dati del rapporto hanno evidenziato una relazione diretta fra gli interventi di protezione e l’aumento del fatturato delle aziende virtuose, che ottimizzando il loro rapporto con i clienti stimolano anche la propria crescita. Alcuni dei risultati infatti, ne sono la prova:

    • Il 76% del campione ha realizzato un ampliamento della copertura digitale grazie a una migliore implementazione della sicurezza
    • Il 69% ha rilevato un miglioramento della customer experience
    • Il 66% ha riferito di una maggiore fidelizzazione dei clienti
    • Le iniziative messe in campo nell’ambito della sicurezza informatica hanno contribuito a far aumentare del 35% i ricavi da nuove fonti di business
    • Le stesse iniziative hanno portato a un incremento del 31% nell’efficienza operativa, del 34% nella produttività dei dipendenti e del 33% nella customer satisfaction

    Fabrizio Tittarelli, CTO Italia, CA Technologies ha commentato i risultati sottolineando che l’implementazione della sicurezza centrata sull’identità costituisce una killer application della trasformazione digitale perché applicando misure sistematiche di protezione ai diversi canali di interazione tra l’azienda e i suoi clienti, partner e dipendenti, si migliorano le modalità di protezione e supporto dell’operatività aziendale. Tutto va anche a beneficio della fiducia dei clienti e con il suo accrescimento, segue di pari passo anche quello del giro d’affari.

    Per provarlo, i referenti dello studio, hanno classificato l’utenza secondo un modello di maturità a tre livelli (avanzato, base o limitato) misurando le implementazioni riguardanti la protezione dell’identità digitale e sono stati valutate le interazioni con il miglioramento della customer experience, dell’operatività aziendale.

    La maggior parte dei partecipanti si configura come utenza Basic con una sicurezza incentrata sull’identità (68%), con particolare attenzione verso alcune capacità essenziali quali la gestione delle password, il Single Sign-On e alcune funzioni di analisi e reportistica. Il 19% dei soggetti è risultato Advanced, ovvero in grado di svolgere attività quali la sicurezza adattiva e l’analisi comportamentale e di fornire supporto uniforme alla sicurezza multicanale. In particolare:

    • Gli utenti Advanced hanno registrato un miglioramento del 34% nella crescita del fatturato e dei nuovi ricavi, contro un 29% degli utenti Basic.
    • Il 93% degli utenti Advanced, rispetto al 75% degli utenti Basic, ha osservato una maggiore customer retention.
    • L’89% degli utenti Advanced ha rilevato un miglioramento della customer experience, contro il 66% degli utenti Basic.
    • Dal punto di vista della security, il 34% degli utenti Advanced ha registrato una riduzione nel numero di violazioni di dati, rispetto al 24% degli utenti Basic.

    La Roadmap suggerita

    Lo studio evidenzia sette step cruciali nel percorso di adozione di una strategia di sicurezza incentrata sull’identità che possa contribuire a migliorare le performance di business e consentire una crescita aziendale:

    • Considerare l’identità digitale come nuovo perimetro aziendale
    • Trattare la sicurezza come fattore abilitante del business
    • Instaurare rapporti di fiducia nell’interazione digitale con clienti, partner, fornitori e dipendenti
    • Tutelare le esperienze, non solo i dati
    • Adottare un approccio adattivo per la gestione delle identità e degli accessi
    • Agire in modo proattivo e predittivo
    • Non rinunciare mai alla sicurezza in favore della velocità

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su La sicurezza come driver del business inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *