• Il valore della co-creazione per ideare il Piano Marketing

    co-creazioneLa co-creazione, intesa come produzione compartecipata, è oggi una condizione indispensabile per definire e realizzare campagne di marketing efficaci ed in linea con lo spirito dei tempi.

    L’ideazione del piano marketing deve considerarele risorse interne ed esterne all’azienda con un bilancio capace di misurare il capitale umano, fisico e sociale disponibile per raggiungere gli obiettivi di vendita e comunicazione.

    Definiamo la co-creazione interna come la quantità  è la qualità  di risorse umane e cognitive disponibili per elaborare un piano marketing efficace, avvalendosi delle capacità  e competenze di collaboratori e dipendenti presenti in azienda.

    Per co-creazione esterna , invece, ci riferiamo alle relazioni che l´impresa ha con il mercato, soprattutto con il cliente, non più individuo isolato e passivo, ma una persona che oltre ad apportare capitale monetario, è anche in grado di fornire suggerimenti. Il cliente postmoderno è infatti un soggetto informato e oculato nelle scelte, attivo e partecipativo, attento e consapevole alla qualità  del prodotto o servizio offerto, vera e propria miniera di preziose informazioni.

    La definizione del piano marketing non può quindi prescindere da una filosofia del lavoro che guarda oltre i confini della propria impresa. Il marketing manager dovrebbe infatti ascoltare sempre i segnali che provengono dall’ambiente di lavoro. Poi, come un “sintetizzatore musicale”, elaborare una sonorità  che armonizzi tutti gli elementi utili per raggiungere gli obiettivi di vendita e comunicazione.

    La filosofia della collaborazione fra colleghi, aziende e clienti, sembra essere un tratto distintivo del mercato del lavoro odierno, che nonostante sia pervaso da una logica di competizione lascia intravedere degli spiragli di quella che viene definita coopetition (cooperatio+competition), una nuova forma di scambio fra concorrenti.

    Bisognerà  allora imparare bene a “rubare con gli occhi” e avere “orecchie da mercante”.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Il valore della co-creazione per ideare il Piano Marketing inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Ciro Gentile dice:

      Stimolante articolo, pur nella sua, forse, voluta genericità . Sarebbe, penso, utile per i lettori descrivere un Modello Operativo per favorire il sorgere della co-creazione interna ed esterna e, soprattutto, come utilizzarla per costruire un Piano di marketing. Per l’interno, penso ad interventi sull’ambiente, sulle persone, sulla leadership e sulla comunicazione. Per l’esterno penso a ricerche, blog, sportello cliente, concorsi informativi, react survey ecc.

    2. fabrizio scatena dice:

      Caro Gentile,

      la ringrazio per il commento al post, il cui obiettivo era proprio di stimolare un commento come il suo.

      Mediterò sulla possibilità  di scrivere un articolo di approfondimento e fornire un modello operativo, partendo dalla sua riflessione.

    3. Ciro Gentile dice:

      Grazie e a ben rileggerla!
      Nel frattempo mi piace vedere – questa è la mia interpretazione – che usa il detto “orecchie da mercante” non nel senso corrente ovvero far finta di non sentire un’obiezione o una questione poste per poter raggiungere, comunque, l’obiettivo. Ma nel senso di ascoltare come un “vero mercante” ovvero come uno che conosce il mercato e le persone che ne fanno parte e proprio per questo, è in continua ricerca di capire come “sostenerlo, innovarlo e allargarlo”. Per costruire ricchezza e valore per tutti e non solo per sè.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *