• Come ottenere finanziamenti dalla Banca del Mezzogiorno

    FinanziamentiCinquecentomila euro alle imprese del Sud. Si tratta di finanziamenti destinati alle PMI delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.
    Ad erogarli è la neonata Banca del Mezzogiorno, alla quale sarà  possibile richiedere mutui senza ipoteca a copertura dell´intero investimento proposto.

    Presso gli uffici postali di ciascuna regione interessata sarà  possibile ricevere informazioni e inviare richieste di finanziamento da parte delle imprese. In ogni caso sarà  la sede centrale della Banca del Mezzogiorno a deliberare o rifiutare la richiesta.

    Come ottenere il finanziamento?

    I finanziamenti sono rivolti esclusivamente alle imprese esistenti in particolare micro imprese e Pmi di tutti i settori economici eccetto quelle che svolgono attività  agricole, finanziarie, assicurative, di attività  di amministrazione pubblica e le imprese che operano nei settori non profit. Le start-up non possono essere finanziate. Per ottenere il finanziamento si dovrà  compilare un´apposita domanda alla quale allegare una serie di documenti. All´interno della domanda è necessario indicare l´elenco degli immobili che sono nelle disponibilità  dell´azienda nonché i rapporti in essere con il sistema bancario e i leasing in corso. La domanda dovrà  poi essere consegnata presso il più vicino sportello postale abilitato a operare sui finanziamenti di Banca del Mezzogiorno. Sul sito Internet delle Poste è disponibile un elenco degli sportelli abilitati.

    Quanto costa ottenere il finanziamento?

    Tutte le richieste passeranno al vaglio della sede centrale della Banca del Mezzogiorno. Una volta assegnato il finanziamento occorrerà  attendere un paio di mesi per l´erogazione dei fondi. I tassi di interesse, fissi e variabili, oscillano tra il 4% e lܐ%, il costo di istruttoria ammonta a euro 250 dovuto esclusivamente nel caso di stipula del finanziamento, l´imposta sostitutiva è pari allo 0,25% dell´importo del finanziamento erogato e sarà  trattenuta al momento dell´erogazione. A tutto questo si dovranno considerare anche i costi di gestione di un conto Banco Posta, indispensabile per ottenere il finanziamento.

    Cosa è possibile finanziare?

    E´ possibile richiedere il mutuo di Banca del Mezzogiorno per finanziare investimenti già  effettuati nei sei mesi precedenti oppure ancora da realizzare nonché per esigenze finanziarie collegate all´attività  aziendale.

    Impresa 50 e Linea impresa più

    Sarà  possibile richiedere due linee differenti di finanziamenti:

    • Impresa 50 riguarda l´erogazione di piccoli finanziamenti fino ad un massimo di 50.000 euro con durata del finanziamento compresa tra 18 e 60 mesi;
    • Linea impresa più riguarda l´erogazione di finanziamenti che possono raggiungere anche i 500.000 euro con durata compresa tra 18 e 96 mesi.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Come ottenere finanziamenti dalla Banca del Mezzogiorno inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. speranza dice:

      La Banca del Mezzopgiorno E´ la solita fregatura per il Sud, un BLUFF di portata mondiale, un manipolo di incapaci e di incompetenti, forse bancari della vecchia maniera che gestiscono i soldi che sono delle Poste Italiane che ha acquistato il Mediocreito Centrale, altro carrozzone politico. Tassi elevatissimi, rate mensili altissime, variano da 1200, a 2000 euro e anche oltre, per prestiti irrisori da 50000 a 200000 euro, all´apparenza destinati alle povere piccole miserevoli imprese del Sud.Dopo la raccolta della documentazione, gestita dagli Uffici postali, il carteggio viene spedito chissà  dove, passano circa uno due mesi e il risultato è che le bocciano tutte, con esito negativo, per una impresa ritenuta valida, secondo costoro, le erogazioni avverrano dopo circa oltre 90gg. Una fregatura in piena regola, architettata ad Hoc.Ma alle Poste Italiane non bastavano i prestiti finanziari che gestiscono regolarmente ogni giorno nei loro uffici, a chi serviva questa fregatura, all´esimio Tremonti che ha già  rovinato l´Italia ? Questa è la verità , sperimentata di persona, povero Sud, fagocitato dalla mafia e da una classe politica inutile e inefficente e povera Italia in mano a questi politici, loro si che ricevono milioni di contributi a gratis, che pacchia !!!!!

      ——————————————————————————–

    2. Ferlito dice:

      Sono d’accordo con Speranza. Chi istruisce le pratiche non si e’ mai occupato di small business ma applica in maniera meccanica modelle di scoring già  predefiniti. In questo modo non cambia nulla tra Banca del Mezzogiorno e altre banche,quali Intesa San Paolo o Unicredit. Ad esempio al sud le società  sono sotto patrimonializzate,tuttavia i soci sono patrimonializzati.Se applico i modelli di scoring aziendali il rapporto di patrimonializzazione aziendale risulta pessimo ed il sistema mi impone di rifiutare la pratica. Inoltre le società  chiudono con un utile netto basso in quanto i soci preferiscono attribuirsi la retribuzione da lavoro dipendente per evitare di pagare una Ires alta. Se si calcola il Roi delle aziende del sud il valore e’ basso e il sistema può imporre di rifiutare la pratica.Se vogliamo creare una vera Banca del Sud le poste devono dotarsi di consulenti territoriali che escano fuori dai loro uffici a visitare le aziende ed a conoscere le loro specificità . Non volevamo una banca vicina al territorio? Due settimane fa ho presentato una pratica,il funzionario di uno degli uffici si e’ rifiutato di inviarla per l’istruttoria in quanto l’utile netto della società  era circa 10.000 euro, insufficiente a dimostrare la rimborsabilità  del prestito di 100.000 euro in 5 anni.Il cretino non si e’ reso conto che l’azienda aveva in bilancio 50.000 euro di ammortamenti che,al netto delle rate di rimborso sui finanziamenti pregressi,generava un cash flow di 40.000 euro, più che sufficiente a garantire il rimborso del finanziamento.Valutano la capacità  di rimborso delle aziende come lo fanno coi privati.Che cretini !

    3. dott.antonio arpano dice:

      Ho constatato di persona,recandomi presso uno dei 250 sportelli autorizzati dalla BANKIT e collocati presso gli uffici postali non funzionano(marzo/2013) nemmeno per fornire semplici informazioni per la documentazione richiesta per la domanda di finanziamento.Se mi fate avere il Vs.numero di fax posso inviarVI una mia nota del 9/3/2013T sull’argomento,quale esperto in materia di concessione di affidamenti alle imprese in genere ed alle microimprese in particolare anche con protesti.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *