• Jusp un pos mobile per il Pagobancomat

    JUSP

    Jusp ha realizzato una nuova soluzione che permette ad artigiani, negozianti e professionisti di accettare pagamenti tramite Pagobancomat attraverso un pos mobile dall’uso semplice ed dai costi ridotti. L’azienda italiana nota a livello internazionale per aver lanciato un innovativo sistema di pos mobile abilitato ad accettare carte di debito e di credito, ha adesso presentato una nuova soluzione per accettare solo i pagamenti tramite carte pagobancomat, a costi molto più contenuti rispetto ai pos predisposti anche per le carte di credito.

    => Obbligo POS: sanzioni in arrivo per le Partite IVA

    Questo nuovo pos è messo in vendita al prezzo di 49 euro più IVA e non prevede nessun costo fisso o canone mensile, ma solo una commissione sulle transazioni dell’1,5%. L’offerta, denominata “Jusp for Italy” e’ infatti adatta per attività che hanno una clientela italiana. In questo caso, infatti, la penetrazione del bancomat sulle famiglie italiane è praticamente del 100%, mentre quella delle carte di credito è intorno al 35-40%. Un ottimo modo quindi per gli esercenti di risparmiare sulle commissioni, pur garantendo alla propria clientela italiana il massimo della funzionalità di pagare con moneta elettronica. Rispetto al pos tradizionale, il nuovo dispositivo di Jusp può essere utilizzato anche in mobilità collegandolo ad uno smartphone. L’offerta “Jusp for Italy” è anche pienamente in linea con le norme che prevedono l’obbligo di accettare pagamenti elettronici con carte di debito, con l’obiettivo di ridurre progressivamente l’uso del contante che in Italia ha un costo collettivo annuo di oltre 8 miliardi di euro.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Jusp un pos mobile per il Pagobancomat inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Costantina Belotti dice:

      Tutti parlano di sanzioni e chiusura attività per mancata ottemperanza riguardo al pos,la gazzetta ufficiale non ha confermato le sanzioni,devono essere ancora approvate!!!!!
      Comunque il servizio offerto per la clientela è importante ma,non è giusto che le banche traggano guadagni pure dal lavoro altrui..dovrebbe essere un servizio a titolo gratuito
      TINA

    2. Costantina Belotti dice:

      Complimenti

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *