• UNICO 2010, l’immobile all’estero si dichiara nel quadro RW

    Unico 2010Li chiamano 007, un po’ come i protagonisti di certe spy story cinematografiche. Eppure gli 007 delle Entrate sono reali e, a quanto pare, dovrebbero riuscire a scoprire, grazie anche alle segnalazioni delle amministrazioni fiscali francese e inglese, gli evasori. L´oggetto della loro ricerca sono gli immobili all´estero.

    Dall´Agenzia delle Entrate sono già  partite due tipologie di lettere indirizzate a circa seimila contribuenti prevalentemente concentrati in Lombardia, Piemonte e Liguria: una parte rivolta ai contribuenti che nel 2005 risultavano in possesso di immobili in Francia, in particolare in Costa Azzurra, sulle Alpi o in Provenza; l´altra parte, invece, a cittadini italiani che nel 2008 erano proprietari di immobili in Gran Bretagna.

    In tal modo il Fisco intende:

    • informare i proprietari di immobili all´estero sui nuovi obblighi dichiarativi legati al possesso degli immobili a partire dal 2009;
    • suggerire ai contribuenti di regolarizzare eventuali illeciti fiscali commessi negli anni precedenti;
    • ricordare l´inasprimento delle sanzioni e dei controlli.

    Ultimi giorni, quindi, per aderire allo scudo fiscale, con una tassazione del 7%, e sanare eventuali irregolarità , anche immobiliari. Un campanello d´allarme non indifferente non solo per i possessori di case all´estero ma anche per chi, nel frattempo, le abbia vendute realizzando una plusvalenza imponibile in base alla normativa fiscale italiana e anche per chi possiede un quadro di valore o un motoscafo in una località  esotica.

    Ma gli 007 delle Entrate non sono l´unico rischio. Da quest´anno, infatti, corre l´obbligo di indicare nel quadro RW del modello UNICO tutti gli immobili detenuti all´estero anche se gli stessi non producono redditi da fonte estera imponibili in Italia. Nel modello UNICO di quest´anno, in definitiva, i beni mobili ed immobili andranno indicati non solo se producono redditi imponibili in Italia ma anche nel caso in cui la produzione dei redditi sia solo astratta o potenziale.

    Non avranno nulla da sanare, invece, i contribuenti che fino al 2008 hanno tenuto gli immobili a disposizione. Infatti, prima dell´anno d´imposta 2009, non era previsto nessun obbligo di dichiarazione con il quadro RW sul monitoraggio fiscale.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su UNICO 2010, l’immobile all’estero si dichiara nel quadro RW inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *