• App aziendali: un potenziale ancora tutto da sfruttare

    appsIl mercato italiano delle app appare decisamente promettente seppur al momento decisamente non sfruttato in maniera adeguata.

    => Leggi l’andamento del mercato delle app

    Gli sviluppatori appaiono concentrati principalmente sullo sviluppo di applicativi per il tempo libero o per i social network, senza dare la dovuta importanza all’utenza business; eppure, si tratta di app il cui segmento di mercato appare ricco di potenziale inesplorato, senza contare i benefici che ne deriverebbero per il business aziendale.

    => Scopri le migliori mobile app per PMI

    Secondo un recente sondaggio Hotwire, il mercato italiano delle app è immaturo, con il 51% degli intervistati che lo considera ancora ad uno sviluppo pressoché iniziale. Nonostante ciò, il 61% del campione crede nell’evolversi del mercato legato alle applicazioni mobili, in grado di offrire nuove interessanti possibilità  nello sviluppo delle strategie di business aziendale.

    Se si osservano gli ambiti nei quali le app mostrano maggiore potenziale di crescita, al primo posto appaiono i giochi (24%), seguiti dai social network (22%) e dell’intrattenimento (17%).

    Il successo dei social network appare correlato al desiderio di essere sempre connessi con il proprio network e dall’idea che le applicazioni mobile facilitino la vita.

    Appare evidente come il mercato delle app punti notevolmente sulla comunicazione, seppure a livello personale: se si spostasse l’asse verso l’utenza business, si troverebbe quindi un mercato ancora poco saturo e ricco di potenzialità . Per gli sviluppatori e le ditte produttrici, si tratterebbe di un ambito in cui investire, mentre per le aziende, le app dovrebbero essere viste come una chiave di crescita.

    Se vuoi aggiornamenti su App aziendali: un potenziale ancora tutto da sfruttare inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *