• Più trasparenza nell’uso dei dati personali online

    xrayPiù trasparenza su come le aziende usano i dati personali di un singolo account online (localizzazione, e-mail, messaggi, foto ecc.): per questo scopo è nato XRay, sistema realizzato da Roxana Geambasu e Augustin Chaintreau (Columbia Engineering).

    Nel mondo dei Big Data, vengono collezionati e analizzati (da Google, Amazon, Facebook, ecc) per semplificare l’accesso personalizzato a molti servizi, ma in alcuni casi si rischia di abusarne sfruttandoli per fini commerciali.
    XRay è stato testato con Amazon, YouTube e Gmail, rilevando quando il contenuto delle email viene usato per offrire pubblicità personalizzata. Tra l’altro, la correlazione tra le parole usate e gli annunci pubblicitari non sempre è utile: a “depressione” si associano anche guarigioni di sciamani; a “debito” e “prestiti” acquisti senza limiti di finanziamento e di garanzie.

    L’obiettivo di XRay è dunque quello di riequilibrare il rapporto tra azienda che è in possesso dei dati personali e consumatore cui vengono fornite informazioni chiave in merito.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Più trasparenza nell’uso dei dati personali online inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Julia Cozzi dice:

      Non sempre ci rendiamo conto dell’incredibile mole di informazioni che ci riguardano condivise in rete ogni giorno, attraverso l’utilizzo dei dispositivi che fanno sempre più parte della nostra vita quotidiana.
      La delicatezza di queste informazioni viene spesso sottovalutata, non siamo consapevoli del loro valore, soprattutto per le aziende.
      Per quanto l’informazione (i famosi Big Data, per esempio) venga utilizzata per creare servizi e prodotti in grado di supportare gli utenti del web, sono convinta che debbano esserci dei limiti per evitare che qualcuno ne possa abusare per trarne un vantaggio personale.
      Mi rendo conto che in questo caso tracciare una linea che sancisca il limite tra uso e abuso non sia facile ma sono convinta che il web debba sempre tenere al centro i propri utenti e sicuramente il continuo invio di pubblicità personalizzata non rappresenta un servizio focalizzato sulla tutela e sul miglior interesse dell’utente. Credo che l’obbligo di trasparenza, da parte delle imprese, sia la chiave fondamentale per fronte a questo problema.

      Julia Cozzi Xerox Spa – Europe Country Marketing Manager – Corporate Marketing & Communications Europe

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *