• Aruba nuovamente down: un problema di SLA?

    arubaNuova giornata di passione per il provider di hosting Aruba. Nella tarda mattinata di venerdì 8 luglio, un nuovo black-out ha colpito il network, mandando off-line la maggior parte dei servizi erogati dall’azienda. Nella fattispecie sono andati già  migliaia di siti internet, server dedicati, servizi di posta, DNS e molto altro ancora.

    I clienti Aruba, ancora memori dei recenti guai dell’azienda quando un principio d’incendio mandò off-line l’interno network per quasi 24 ore, hanno sfogato il proprio disappunto sui social network come Twitter e Facebook.

    Indubbiamente il disagio occorso è stato molto forte, perché al di la dei siti amatoriali, sono andati giù moltissimi servizi professionali di aziende e professionisti. In estrema sintesi, i danni sono davvero molti.

    Sebbene il problema sia durato poco (in via di risoluzione), è anche vero che Aruba non si è ancora sentire per parecchio, senza dunque fornire spiegazioni su cosa stesse succedendo.

    La mancanza di linee guida e comunicazione è stata sicuramente la goccia che ha fatto traboccare il vaso per moltissimi utenti che, presi dal panico per il down dei sistemi, erano privi di direttive su come comportarsi o cosa aspettarsi. Il problema dei Server Level Agreement (SLA) torna dunque ad affacciarsi prepotente, soprattutto in questo 2011 che potrebbe essere ricordato come l’anno di battesimo dei servizi cloud aziendali.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Aruba nuovamente down: un problema di SLA? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Francesco D'Agostino dice:

      La mia esperienza di cliente di Aruba è estremamente negativa: ho 30 domini e un server dedicato noleggiato presso di loro, purtroppo sono pentito perchè le cose sono andate sempre male, anche prima di questo blackout.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *