• Come far crescere la propria startup con gli acceleratori

    AcceleratoriLa crescita delle startup non è sempre immediata e soprattutto non è mai sicura. A volte, purtroppo, non è sufficiente un’idea innovativa. Anche se il bene o il servizio va a coprire il bisogno di una vasta fetta di mercato, può rivelarsi incredibilmente difficile realizzare un profitto immediato: la crescita può essere lenta, il break event può posizionarsi a livelli incredibilmente alti e, nonostante l’impegno e la determinazione, molti startupper possono decidere di abbandonare l’idea. Per alcune aziende, tuttavia, la risposta per superare queste sfide arriva da soggetti terzi che offrono finanziamenti, tutoraggio, formazione e networking in cambio di una partecipazione. Si chiamano acceleratori e possono rappresentare una interessante opportunità per le startup.

    => Leggi anche Una rete europea di acceleratori di Start up

    Prima di entrare nel vivo dell’argomento facciamo una breve distinzione tra acceleratori e incubatori. Sono in molti a intendere questi due termini come sinonimi ma, per quanto simili (entrambi aiutano le start up a crescere), nascondono profonde differenze. Gli acceleratori solitamente investono nelle startup in cambio di una quota del loro patrimonio e lavorano per accelerare il processo di crescita. Gli incubatori sono, invece, più concentrati sulla costruzione di idee valide e di nuovi modelli di business. Deve rivolgersi ad un acceleratore lo startupper che ha appena lanciato un business e vuole crescere attraverso l‘apprendimento e la condivisione di esperienze con altri soggetti. E’ molto importante avere le idee chiare e conoscere gli obiettivi che si vogliono raggiungere. L’acceleratore offrirà, quindi, finanziamenti e know-how per far crescere la startup.

    => Tutte le notizie sulle startup innovative

    Ottenere il sostegno di un acceleratore non è facile. Ogni acceleratore, infatti, ha una propria serie di requisiti e talvolta la percentuale di startup ammesse è inferiore al 5%. Il processo di approvazione comprende una lunga serie di domande allo startupper circa il business e l’idea imprenditoriale, il mercato e la concorrenza, il background professionale e le sfide potenziali. Meglio munirsi, quindi, di un efficace business plan. In caso di esito positivo l’acceleratore offrirà capitale e know-how in cambio di una partecipazione.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Come far crescere la propria startup con gli acceleratori inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *