• Nuova applicazione tenta furto credenziali Facebook

    Facebook: false applicazioni e furto credenziali

    Ve ne sarete oramai accorti, gli attacchi via Facebook si susseguono giorno dopo giorno, sfruttando bug del social network, applicazioni malevole o più semplicemente, la poca attenzione della grande maggioranza degli utenti.

    I ricercatori Symantec hanno segnalato il rapido diffondersi di un’applicazione pericolosa per la sicurezza dell’utente, in grado di portare a termine il furto delle credenziali d’accesso . Come sempre in questi casi, la diffusione è facilitata dall’apparente “normalità” di quanto sottoposto all’ignaro utente: un messaggio fatto comparire al momento opportuno, un click di troppo e il gioco è fatto.

    Stavolta i “messaggi esca” sono

    Tornado Randomly Appears During Soccer Game

    e

    Video: This is the best April Fools’ prank ever!

    Un click sul messaggio avvia il download automatico di uno script che effettua il logout da Facebook ed invita l’utente, dopo avergli fatto visualizzare un errore, ad effettuare nuovamente il login, attraverso un form in apparenza assolutamente legittimo. Peccato però che i dati di accesso vengano inviati sia ai server di facebook.com che a un server maligno. L’applicazione a questo punto inoltra il messaggio ingannevole anche sulla bacheca del malcapitato di turno, rendendolo visibile a tutti i suoi amici. Potete immaginare con quale rapidità possa così diffondersi il problema.

    I consigli sono sempre gli stessi, che oramai avrete più che chiari… Evidentemente però sono ancora troppo pochi quelli che prestano la dovuta attenzione alla propria sicurezza, dato che ogni volta che si assiste al diffondersi di sistemi simili, si contano decine di migliaia di utenze compromesse.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Nuova applicazione tenta furto credenziali Facebook inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *