• Impariamo la sicurezza informatica con un video

    video_security.jpg

    Negli ultimi tempi si sono moltiplicate le iniziative multimediali nell’ambito della sicurezza informatica. Comune a tutte queste esperienze è un approccio fortemente rivolto all’utilizzatore finale che viene guidato, con un linguaggio semplice e non tecnico, nel riconoscere i principali elementi che contraddistinguono minacce e tentativi di frode.

    Inizieremo questa nostro breve viaggio offrendo dei link a risorse liberamente disponibili in lingua Italiana per poi suggerire anche alcune fonti in lingua Inglese.

    • Recentemente Microsoft ha pubblicato una serie di video-editoriali sulla sicurezza tra i quali segnaliamo un interessante editoriale di sicurezza che elenca le iniziative di Microsoft per un ambiente informatico più sicuro, e le risorse a disposizione degli utenti per proteggere il proprio PC dagli attacchi informatici. Più specialistico il video sulla sicurezza applicativa una vera e propria introduzione al relativo percorso formativo.
    • Poste Italiane, in collaborazione con CEFRIEL, ha invece realizzato un video sul phishing che fornisce, in maniera semplice e immediata, informazioni e consigli per difendersi da questa “nuova” minaccia.
    • Anti-Phishing Italia ha messo in piedi addirittura una NetTV dedicata alla sicurezza. Al momento sono disponibili le seguenti 4 brevi clip: RAS Bank nuovamente vittima del phishing (durata: 43″), I truffatori avvertono: Attenzione al phishing contro Banca di Roma (durata: 38″), Inviava porno spam tramite reti wi-fi non protette. Condannato (durata: 48″), Posta elettronica Certificata (durata: 59″).
    • Concludiamo con un vero e proprio corso online sulla sicurezza informatica, realizzato dal Centro Nazionale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) nel 2004 ma sempre valido.
      Il corso fornisce una panoramica delle problematiche di natura tecnica, organizzativa e giuridica inerenti la sicurezza informatica in azienda, ed è costituito da una introduzione e da 12 moduli.
      In questo caso si tratta di un vero e proprio e-learning e, per ogni modulo, è possibile scaricare non solo le slide in formato pdf ma anche i filmati (della durata di circa 15-20 minuti ciascuno) scegliendo il formato Real Player o Windows Media.

    In lingua Inglese, ovviamente, l’offerta video sulla sicurezza informatica è sicuramente più ampia e specializzata.

    Cominciamo con i vincitori del Computer Security Awareness Video Contest 2007 , manifestazione organizzata da Educause/Internet2 Computer and Network Security Task Force, National Cyber Security Alliance, e ResearchChannel: il primo premio va a Avoid Infection, 30 secondi di clip di Joseph Ellis e Eric Collins, dell’università del Delaware, che hanno efficacemente rappresentato l’attacco di un virus informatico. Secondo posto per Whoa, That’s Awkward di Evan Michals, che descrive un attacco portato via Instant Messaging.

    Passando ad istituzioni accademiche e centri di ricerca ecco infine due segnalazioni:

    • Il Software Engineering Institute (SEI) della Carnegie Mellon University ha realizzato tre video dedicati alla propria Secure Coding Initiative volta, in collaborazione con il CERT USA, a sensibilizzare alla sicurezza chi sviluppa e progetta codice software. I tre video, disponibili per il download sia in formato MP4 sia in formato WMV, vedono come protagonista (narrante) Robert Seacord , autore del testo Secure Coding in C and C++.
    • L’università di Washington, infine, ha reso disponibile on line l’intero corso CSE P 590TU: Practical Aspects of Modern Cryptography con la possibilità di scaricare non solo testi e materiale didattico vario ma anche le video registrazioni dei docenti.

    Buona visione a tutti!

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Impariamo la sicurezza informatica con un video inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *