• 2007: l'anno dell'insicurezza informatica

    security.jpg

    Lo hanno riportato moltissime fonti online, tra le quali anche l’autorevole BBC: l’anno che abbiamo appena lasciato alle spalle è stato disastroso per quanto riguarda l’aumento dei problemi relativi alla sicurezza informatica.

    Il 2007 non è assolutamente da prendere ad esempio, perché ha offerto moltissime occasioni di pericolo per chi di Internet ne ha fatto una parte importante della propria vita quotidiana. E queste occasioni sono risultate in continuo aumento rispetto agli anni precedenti, rendendo la vita molto più difficile agli internauti, i quali si sono visti vittime di attacchi di ogni sorta, dovuti all’aumento di falle nei software maggiormente utilizzati dal popolo dei navigatori, o ad altri espedienti usati da hacker e cracker per mettere in difficoltà i sistemi operativi degli utenti o, nei casi peggiori, letteralmente per derubare i navigatori.

    La BBC stessa ha avvertito del pericolo. Gli hacker di un tempo, che attaccavano siti internet solo per puro spirito di iniziativa, o per farsi belli nel loro gruppo di amicizie, si sono quasi estinti. Gli hacker nell’ultimo anno sono diventati più cracker, spinti dalla voglia di guadagni facili.

    Lo dimostra in particolare la diffusione a crescita esponenziale dei fenomeni di phishing o i trojan inseriti in banner pubblicitari, capaci di carpire e dirottare a malintenzionati di ogni sorta i dati personali del PC e del sistema operativo usato dal navigatore, in modo da ingrandire il database delle potenziali vittime informatiche.

    E nuove prospettive si aprono per l’anno appena iniziato. I siti di social network sono da qualche mese sempre più presi di mira da attacchi pirata e da truffe online.
    Che sia la nuova frontiera del crimine informatico?

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su 2007: l'anno dell'insicurezza informatica inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *