• Finanziamenti UE più snelli per le PMI: le nuove regole 2013

    Finanziamenti UEDal primo gennaio 2013 entrano in vigore nuove regole per l’accesso ai fondi comunitari, che dovrebbero comportare l’atteso snellimento procedurale per le piccole e le medie imprese.
    Cerchiamo di comprendere in che modo cambieranno i finanziamenti UE per le PMI tra pochi mesi.

    ISTANZA
    Le prime novità  riguardano la richiesta. Mentre oggi la domanda di sovvenzione è spesso soggetta a un univoco vaglio dei valutatori – che in caso di errori materiali possono richiedere chiarimenti documentali, senza regole omogenee che fissino un termine massimo per l´esame della domanda – dall’1 gennaio 2013 sarà  sancito il diritto del richiedente a correggere eventuali errori di trascrizione durante la valutazione, potendo altresì contare su un tempo massimo generale di 9 mesi dalla presentazione alla firma (con la sola eccezione dei progetti più complessi).

    ITER
    La revisione procedurale riguarda altresì la digitalizzazione dei documenti, stimando una espansione delle possibilità  di firma elettronica, che andranno ad abbracciare anche la presentazione di documenti dopo la concessione della sovvenzione (pertanto, non più solamente la domanda).
    Il beneficiario dovrà  mantenere i documenti per un massimo di 3 anni se PMI (5 anni nelle altre ipotesi). Fino ad oggi non era previsto alcun termine massimo.

    REQUISITI
    Sparisce inoltre un ostacolo particolarmente sgradito alle imprese, relativo all´accensione di un conto fruttifero, tramite il quale poter dar seguito a un monitoraggio puntuale degli interessi sul prefinanziamento: a partire dal prossimo anno la revisione dei finanziamenti UE ha previsto l’abolizione dell’obbligo di utilizzo, azzerando di fatto tutti i requisiti bancari.

    EROGAZIONE FONDI
    Altre novità  riguardano i tempi di pagamento: dagli attuali 105 giorni (90 per i soli piccoli importi) per l´approvazione delle relazioni e del pagamento, si passerà  ai futuri 90 giorni (60 per i soli piccoli importi).
    Ultime novità  per quanto concerne le forme di finanziamento.
    L´attuale normativa prevede forfait con un tetto massimo di 25mila euro, con dichiarazione dei costi medi o standard determinati dal beneficiario non ammessi.
    Dal 1 gennaio 2013 si potrà  assumere interamente la forma di importo forfettario, e sarà  la Commissione a decidere la modalità , a seconda della natura del programma, con possibilità  di ammettere dichiarazione dei costi medi standard da parte del beneficiario.

    Se vuoi aggiornamenti su Finanziamenti UE più snelli per le PMI: le nuove regole 2013 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *