• Privacy: vietato controllare il pc del dipendente

    ComputerComputer del lavoratore dipendente off limits per il datore di lavoro curioso. E´ in sintesi quanto affermato dal Garante della Privacy con il provvedimento n. 307 del 2012: il datore di lavoro non può controllare il contenuto del computer di un lavoratore senza averlo informato preventivamente e senza il pieno rispetto della libertà  e della dignità  del lavoratore.

    => Leggi la normativa aggiornata sulla privacy

    La questione è sorta a seguito di un ricorso da parte di un lavoratore dipendente licenziato sulla base di documenti presenti in una cartella personale di un computer portatile aziendale, consegnato per il periodico backup. La cartella, in particolare, conteneva alcuni documenti relativi ad una attività  svolta dal dipendente in concorrenza con il suo datore di lavoro.

    => Leggi le norme sul controllo dei dipendenti

    Secondo il Garante, il datore di lavoro ha violato la privacy del lavoratore in quanto non l´ha informato sui limiti di utilizzo del bene aziendale e sulla modalità  di analisi e verifica sulle informazioni contenute nel computer. L´azienda, infatti, avrebbe dovuto inserire nella policy aziendale un esplicito riferimento alle operazioni di controllo sulle cartelle archiviate nell´hard disk dei computer.

    => Leggi Privacy e lavoro: le norme per azienda e dipendenti

    E´ importante, comunque, evidenziare che il datore di lavoro ha la facoltà  di effettuare controlli mirati al fine di verificare l´effettivo e corretto adempimento della prestazione lavorativa e, se necessario, il corretto utilizzo degli strumenti di lavoro.

    => Scopri Usi e abusi della Biometria in azienda

    In merito all´utilizzo dei dati nel processo di licenziamento, è il giudice a decidere l´utilizzabilità  nel procedimento civile della documentazione acquisita agli atti.

    Se vuoi aggiornamenti su Privacy: vietato controllare il pc del dipendente inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Mario Strocca dice:

      Secondo il Garante, il datore di lavoro ha violato la privacy del lavoratore in quanto non l´ha informato sui limiti di utilizzo del bene aziendale e sulla modalità  di analisi e verifica sulle informazioni contenute nel computer. E questo è un dato di fatto. Però, che dire del dipendente che ha nel PC aziendale una cartella, in particolare, contenente alcuni documenti relativi ad una attività  svolta dal dipendente in concorrenza con il suo datore di lavoro? Il dipendente ha preventivamente informato la sua azienda che stava svolgendo una attività  ad essa concorrente? Mi sembra che la tutela sia a senso unico: cioè solo nell’interesse del dipendente. Secondo me, invece, la ditta ha fatto bene a comportarsi come ha fatto.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *