• Bush, 6 miliardi di dollari contro il cyber terrorismo

    nsa_logo.jpg

    La preoccupazione verso le minacce provenienti da Internet è comune a tutti i governi del mondo, figuriamoci nel paese dell’11 settembre, sempre sotto l’occhio di tutto e di tutti, terroristi compresi.

    La notizia rivelata da un collaboratore del Wall Street Journal annuncia quanto si era cercato di mantenere nascosto ai media fino ad ora. Sembra infatti che Bush in persona abbia richiesto un sforzo aggiuntivo da parte dei servizi di intelligence, per monitorare costantemente e con estrema attenzione quanto succede in ambito governativo e più in generale in ambito pubblico.

    L’impegno di intelligence è spinto in avanti con la forza di 6 miliardi di dollari (da impiegare entro il 2009), a beneficio delle risorse nazionali di CIA (Central Intelligence Agency) e NSA (National Security Agency). Il “contributo” sale fino a 30 miliardi di dollari spalmato su un periodo di tempo di sette anni.

    La giustificazione ala decisione è apparentemente semplice. La crescente presenza di attacchi informatici nei confronti di infrastrutture nazionali non può più essere subita passivamente. Da quando si è ipotizzato (e considerato possibile) un attacco nei confronti di impianti energetici, magari nucleari o catastrofi del genere, la convinzione da parte del presidente è diventata incontrastabile. L’America deve essere in grado di contrastare eventuali possibili catastrofi, affermano.

    Tutti questi contributi verranno utilizzati sia per la progettazione di sistemi e procedure virtuali, sia per la realizzazione di barriere fisiche e di ambienti di protezione di rete. L’intera comunicazione tra organismi pubblici deve essere rifondata, riducendo al minimo le porte di ingresso dall’esterno e le vulnerabilità attualmente presenti.

    Chiaramente, è facile immaginare che tutta questa situazione ha provocato grandi e profondi diverbi, sia interni, tra amministrazioni che vogliono e non vogliono essere sotto l’occhio costante di chi controllerà la situazione, sia esterni, tra chi non vede di buon occhio una spesa così ingente per aspetti di carattere informatico. Staremo a vedere quanto verrà realmente impiegato in questa interessante vicenda e quanto invece sono solo parole.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Bush, 6 miliardi di dollari contro il cyber terrorismo inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. Ratamusa dice:

      Io so che negli US se sei potente, ricco e hai amici nei posti giusti, della rete web & telefonica fai quello che vuoi.
      La privacy?Carta igienica……È sufficiente che tu sia in odore di terrorismo, vero o presunto, per essere quasi certo di essere intercettato.
      Gli americani hanno smesso da un pezzo di dire e fare cose che potrebbero generare sospetti nelle menti malate sistemate nelle posizioni chiave degli Us.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *