• Legge Sviluppo bis: ecco le nuove agevolazioni per imprese

    Mario MontiLa conversione in Legge del DL 179/2012 – noto come Decreto Crescita o Sviluppo Bis – ha introdotto importanti novità  per le imprese.

    A cominciare dal credito d´imposta del 25% sui costi sostenuti nel periodo 2013-2015 per i siti Internet di distribuzione delle opere dell´ingegno digitali alla possibilità  per i piccoli dettaglianti di non emettere lo scontrino fiscale, fino ad arrivare ai piccoli produttori agricoli i quali, ancorché esonerati dall’IVA e dalla relativa contabilità , dovranno presentare l´elenco clienti e fornitori.

    => Vai allo speciale su DL Sviluppo Bis

    Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

    Siti Internet e opere d’ingegno
    Le imprese che svilupperanno in Italia piattaforme telematiche per la distribuzione, la vendita e il noleggio di opere dell´ingegno digitali potranno beneficiare di un credito d´imposta pari al 25% delle spese sostenute nel triennio 2013-2015.
    Il credito potrà  essere utilizzato in compensazione alle imposte Irpef, Ires o Irap dovute per il medesimo periodo in cui le spese sono state sostenute.

    Emissione scontrini
    Sono esentate dall´emissione dello scontrino fiscale le imprese della Gdo che trasmettono telematicamente all´Agenzia delle Entrate l´ammontare dei corrispettivi giornalieri.

    => Scopri l’esonero dall’emissione dello scontrino

    In tale ambito possono essere considerate imprese della Gdo quelle che operano in esercizi commerciali definiti media e grande struttura di vendita (ossia con superficie superiore a 150 metri quadri nei comuni con popolazione inferiore a 10.000 abitanti ovvero superiore a 250 metri quadri nei comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti) e quelle che fanno parte di un gruppo societario che opera con più punti vendita sul territorio nazionale e che realizzano un volume d´affari annuo aggregato superiore a 10 milioni.

    Elenco clienti e fornitori
    Sono tenuti a inviare l´elenco clienti e fornitori anche i produttori agricoli esonerati dall´Iva ossia quelli con volume d´affari non superiore a 7.000 euro.

    Tale adempimento diventa obbligatorio al fine di rendere efficienti le attività  di controllo sulla rintracciabilità  dei prodotti agricoli e alimentari.

    Se vuoi aggiornamenti su Legge Sviluppo bis: ecco le nuove agevolazioni per imprese inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *