• Immagine "photoshoppata" su Facebook? Mistero..

    sexyphotoshop

    Ancora una volta un attacco via Facebook riesce a “sbancare”, fregando più di 600 mila utenti.

    Il trucco usato non è per niente originale: sulla chat un amico vi manda un link che ti invita di andare a guardare delle simpatiche immagini modificate con Photoshop; peccato che non sia stato il vostro amico a scrivere il messaggio e che, una volta cliccato il link, vi verrà installata una applicazione che – indovinate un po’ – inizierà a proporre le stesse immagini ai vostri contatti.

    Quale sia il fine di questo gioco non è stato ancora chiarito. Una cosa però è certa, si tratta di un attacco terribilmente efficace che conferma la debolezza interna di Facebook ad arginare sia l’inventiva dei cracker, sia e soprattutto l’ingenuità degli utenti.

    Al solito, possiamo solo consigliarvi di stare attenti. In particolare se non avete molti amici di madre lingua inglese, non cliccate sopra inviti sospetti in questa lingua.

    Tags:

    Se vuoi aggiornamenti su Immagine "photoshoppata" su Facebook? Mistero.. inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


    Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

    Si No

    Acconsento al trattamento dei dati personali di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy

    Si No

    Commenti

    1. lordmax dice:

      Qui non sono d’accordo sulla colpa dell’utente.
      E’ chiaramente un baco del sistema di faccialibro.
      L’utente non ha gli strumenti per capire se si tratta di un falso o meno, il modo stesso in cui è strutturato faccialibro non permette di farlo.
      E’ piuttosto comune ricevere una segnalazione da un amico relativa ad un link, cliccarlo e scoprire, troppo tardi, che è un falso ed è strutturato per rubare il like e venir condiviso automaticamente senza possibilità di cancellarlo… e senza possibilità di segnalare l’abuso a faccialibro stesso che ha una gestione dell’assistenza veramente pessima per non dire inesistente.

    Commenta

    Your email address will not be published. Required fields are marked *